Già a 19 mesi i bambini mostrano comportamenti altruistici. Lo studio in oggetto riporta che anche quando un bambino piccolo ha fame, offrirà la propria merenda ad uno sconosciuto se percepito come bisognoso. I risultati rivelano che non solo i bambini piccoli si impegnano in comportamenti altruistici, ma anche che le prime esperienze sociali modellano i comportamenti altruistici futuri.

L’aiuto altruistico – l’atto di donare qualcosa di desiderabile, anche a costo di rimanerne deprivati – è forse più evidente quando si tratta di cibo, trattandosi di un bisogno primario dell’essere umano. Gli adulti spesso rispondono alle persone affamate, attraverso banche del cibo o raccolte di fondi, o semplicemente consegnando il loro pranzo. Ma quando e come nasce lo spirito del dare?

Una nuova ricerca dell’Institute for Learning & Brain Sciences dell’Università di Washington (I-LABS), ha scoperto che l’altruismo può iniziare nell’infanzia. In uno studio su quasi 100 bambini di 19 mesi, i ricercatori hanno scoperto che, anche se affamati, questi bambini davano uno spuntino gustoso a uno sconosciuto bisognoso. I risultati non solo mostrano che i bambini intraprendono un comportamento altruistico, ma suggeriscono anche che le prime esperienze sociali possono modellare l’altruismo del futuro adulto.

Pensiamo che l’altruismo sia importante da studiare perché è uno degli aspetti più distintivi dell’essere umano. È una parte importante del tessuto morale della società“, ha affermato Rodolfo Cortes Barragan, ricercatore post-dottorato presso I-LABS e autore principale dello studio. “Noi adulti ci aiutiamo a vicenda quando ne vediamo un altro bisognoso e lo facciamo anche se c’è un costo per noi stessi. Quindi abbiamo testato le radici di questo comportamento nei neonati“.

È stato scoperto che i primati non umani cooperano e condividono le risorse a condizioni limitate. Ma i primati non umani, come gli scimpanzé, non consegnano attivamente cibi deliziosi di cui hanno bisogno per loro stessi. I ricercatori di I-LABS hanno voluto verificare se i bambini umani fossero in grado di agire oltre l’interesse personale, di fronte a uno dei bisogni biologici più fondamentali: il cibo.

Per questo studio, i ricercatori hanno scelto frutti adatti ai bambini – tra cui banane, mirtilli e uva – e hanno creato un’interazione tra bambino e ricercatore. L’obiettivo era quello di determinare se il bambino, senza incoraggiamento, istruzione verbale o rinforzo, avesse donato spontaneamente un alimento desiderabile a una persona non familiare.

Nell’esperimento, il bambino e il ricercatore adulto si sono affrontati su un tavolo dell’I-LABS e il ricercatore ha mostrato al bambino un frutto.

  • Nel gruppo di controllo, il ricercatore ha gettato delicatamente il pezzo di frutta su un vassoio sul pavimento fuori dalla sua portata ma alla portata del bambino. Il ricercatore non ha mostrato espressioni e non ha fatto alcun tentativo di recuperare il frutto.
  • Nel gruppo di test, il ricercatore ha fatto finta di lasciar cadere accidentalmente il frutto sul vassoio, quindi ha provato a raggiungerlo senza successo.

Lo sforzo di raggiungere il frutto – l’apparente desiderio dell’adulto per il cibo – sembrava innescare una risposta di aiuto nei bambini. Più della metà dei bambini nel gruppo di test ha raccolto il frutto e lo ha dato all’adulto, rispetto al 4% di bambini nel gruppo di controllo.

In un secondo esperimento con un diverso campione di bambini, ai genitori è stato chiesto di portare il proprio bambino appena prima dello spuntino o dell’ora del pasto programmati, quando era probabile che avesse più fame. Questo al fine di aumentare il “costo” del gesto altruistico. Gli scenari del gruppo di controllo e test sono stati ripetuti, ma con i bambini che ora erano più motivati a prendere il frutto per se stessi a causa dell’appetito.

I risultati hanno rispecchiato quelli dello studio precedente. Il 37% del gruppo di test ha offerto il frutto al ricercatore, mentre nessuno dei bambini del gruppo di controllo lo ha fatto.

I bambini in questo secondo studio hanno guardato con desiderio il frutto, e poi l’hanno donato“, ha riferito Andrew Meltzoff, condirettore di I-LABS. “Pensiamo che questo gesto catturi una sorta di aiuto altruistico a misura di bambino“.

Il team di ricerca ha anche analizzato i dati in diversi modi, ad esempio se i bambini avevano offerto frutti nel primo esperimento o se sono migliorati durante il processo, e se i bambini provenienti da particolari tipi di ambienti familiari avessero aiutato di più.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini hanno aiutato altrettanto bene sia nella prima sperimentazione dell’esperimento che nelle successive sperimentazioni, che Barragan ha dichiarato essere istruttiva poiché ha dimostrato che i bambini non hanno dovuto imparare ad aiutare durante lo studio. In effetti, i bambini hanno spontaneamente e ripetutamente aiutato una persona, anche trattandosi di un individuo al di fuori della propria famiglia.

I ricercatori hanno anche scoperto che i bambini con fratelli e quelli con determinate origini culturali erano particolarmente propensi ad aiutare l’adulto, indicando che l’espressione dell’altruismo infantile è in una certa misura variabile. Questi risultati si adattano bene con studi precedenti con adulti che mostrano influenze positive dall’avere un background culturale che enfatizza “l’interdipendenza”, come le culture maggiormente collettivistiche, cioè con uno sfondo che attribuisce particolare valore a quanto un individuo si sente collegato agli altri.

Barragan ha dichiarato: “Riteniamo che alcune esperienze familiari e sociali facciano la differenza, e sarebbe auspicabile una continua ricerca per comprendere meglio cosa massimizzi l’espressione dell’altruismo nei bambini piccoli. Se possiamo scoprire come promuovere l’altruismo dei nostri figli, questo potrebbe spingerci verso una società più premurosa“.

Lo studio

Abstract dello studio

    • Comportamento altruistico nell’alimentazione da parte di neonati umani dopo una manipolazione della fame
      Il comportamento altruistico comporta benefici preziosi per gli altri pur richiedendo un costo personale. Una forma distintamente umana di comportamento altruistico comporta la consegna di cibo nutriente a estranei bisognosi, anche quando si desidera il cibo. Impegnarsi nel trasferimento altruistico del cibo, invece di conservare il cibo, è costoso, perché riduce l’apporto calorico del benefattore nei confronti del beneficiario. Gli adulti umani si impegnano in questa forma di comportamento altruistico durante i periodi di guerra e carestia, quando dare cibo agli altri minaccia la propria sopravvivenza. I nostri parenti primati viventi più vicini, gli scimpanzé (Pan troglodytes) e i bonobo (Pan paniscus), mostrano notevoli vincoli sulla propensione a impegnarsi in tale trasferimento di cibo (in particolare gli scimpanzé), sebbene condividano molti aspetti sociali e cognitivi con gli umani. Qui mostriamo che in un test non verbale, i neonati di 19 mesi hanno ripetutamente e spontaneamente trasferito cibo naturale di alto valore e nutriente a uno sconosciuto (esperimento 1) e, in modo più critico, lo hanno fatto dopo una manipolazione sperimentale che ha imposto un ritardo alimentare (esperimento 2), che ha aumentato la propria motivazione a mangiare il cibo. Le variabili dell’esperienza sociale hanno moderato l’espressione di questo comportamento altruistico infantile, suggerendone la malleabilità.

Crediti immagine: freepik