Nella pratica clinica, soprattutto nelle terapie familiari, non è inusuale avere a che fare con genitori che hanno sacrificato la loro relazione di coppia per concentrarsi sui loro figli, pensando di fare loro del bene. Un nuovo studio mostra che quando i coniugi si amano, i bambini rimangono a scuola più a lungo e si sposano più tardi nella vita.

La ricerca su come l’affetto tra i genitori modella i risultati a lungo termine dei loro figli è una rarità a causa del fatto che le richieste di dati sono elevate. Questo studio ha utilizzato dati unici provenienti da famiglie del Nepal, ed è stato scritto da ricercatori dell’Università del Michigan e della McGill University in Quebec, e pubblicato sulla rivista scientifica Demography.

In questo studio abbiamo visto che la connessione emotiva tra i genitori influenza positivamente lo sviluppo dei bambini in modo talmente importante da modellarne il futuro“, ha affermato il co-autore e ricercatore dell’Istituto U-M per la ricerca sociale William Axinn. “Il fatto che abbiamo trovato questo tipo di cose in Nepal ci avvicina alla prova che queste cose sono universali“.

Questa nuova ricerca ha utilizzato i dati di una indagine longitudinale avviata nel 1995, che ha raccolto informazioni da 151 quartieri nella Chitwan Valley occidentale. Le coppie sposate sono state intervistate contemporaneamente ma separatamente, e gli è stato chiesto di valutare il livello di affetto che avevano per il loro partner, indicandolo su una scala prestabilita.

I ricercatori hanno quindi seguito i figli di questi genitori per 12 anni al fine di documentare la loro formazione e i comportamenti coniugali. I ricercatori hanno scoperto che i figli dei genitori che avevano riferito di amarsi sono risultati essere quelli rimasti a scuola più a lungo e che non si sono sposati precocemente.

La famiglia non è solo un’altra istituzione. Non è come la scuola o il lavoro. È in questo luogo dove proviamo emozioni e sentimenti“, ha affermato l’autrice principale Sarah Brauner-Otto, direttrice del Center on Population Dynamics della McGill University. “Fornire prove del fatto che l’amore, questa importante componente emotiva della famiglia, ha anche questo lungo impatto sulla vita futura dei bambini, è davvero importante per comprendere la profondità dell’influenza che la famiglia ha sui bambini“.

Il Nepal fornisce uno sfondo importante per studiare come le relazioni familiari modellano la vita dei bambini. Storicamente, in questa nazione, i genitori organizzavano il matrimonio dei loro figli e il divorzio era molto raro. Dagli anni ’70, questo modello culturale è cambiato, con sempre più coppie che si sono sposate per amore. Il divorzio è ancora piuttosto raro, rispetto alla media mondiale, ma sta diventando più comune.

Anche l’istruzione è diventata più diffusa dagli anni ’70. In Nepal, i bambini iniziano a frequentare la scuola all’età di 5 anni e completano la scuola secondaria dopo il 10° anno, quando possono sostenere un esame per ottenere il “Certificato di fine studi” (School-Leaving Certificate – SLC).

Meno del 3% delle donne sposate di età compresa tra 15 e 49 anni ha raggiunto un SLC nel 1996, mentre quasi il 25% lo ha ottenuto nel 2016.
Per quanto concerne gli uomini, nel 2011 il 31% ha raggiunto un SLC, mentre nel 2016 la percentuale è stata del 36,8%.

I ricercatori affermano che la loro prossima importante domanda sarà identificare il perché l’amore dei genitori ha un impatto sui bambini in questo modo. I ricercatori ipotizzano che quando i genitori si amano, tendono a investire di più nei loro figli, portando i bambini a rimanere a scuola più a lungo. Gli ambienti domestici sono più felici quando i genitori dichiarano di amarsi, quindi questi bambini potrebbero avere meno probabilità di volersi svincolare precocemente, facendosi una nuova famiglia in giovane età. I bambini possono anche vedere i loro genitori come modelli di ruolo e impiegare più tempo a cercare di costruire un matrimonio simile con la persona giusta.

Questi risultati sono rimasti validi anche dopo che i ricercatori hanno preso in considerazione altri fattori che determinavano la relazione di una coppia sposata e la transizione dei loro figli verso l’età adulta. Questi fattori hanno incluso:

  • etnia di casta;
  • accesso alle scuole;
  • se i genitori avevano un matrimonio combinato;
  • la gravidanza;
  • se i genitori avevano esperienze di vita al di fuori delle proprie famiglie;
  • se erano stati influenzati dalle idee occidentali su educazione e corteggiamento.

Il risultato ottenuto è che l’amore tra coniugi ha conseguenze molto importanti“, ha detto Axinn. “L’amore coniugale non è irrilevante; le variazioni nell’amore dei genitori possono avere delle conseguenze nella prole“.

 

Lo studio

 


Crediti immagine: freepik