La serotonina si è guadagnata anche al di fuori della comunità scientifica una reputazione diffusa come il neurotrasmettitore responsabile del controllo della felicità, del benessere e dell’umore, anche se il funzionamento effettivo della serotonina comporta processi molto più complessi.

Se alla maggior parte delle persone venisse chiesto di identificare dove risiede il 90% della serotonina nel loro corpo, risponderebbe “nel cervello”. Ma, sorprendentemente, non è così!

I ricercatori stimano che più del 90% della serotonina nel corpo umano è prodotta nel tratto digestivo, dove influenza una varietà dei nostri processi corporei (Fung et al., 2019).

Mentre la consapevolezza di questo fatto poco conosciuto può essere utile alla maggior parte degli individui che cercano di aumentare il loro benessere, c’è una popolazione che potrebbe trarre particolare beneficio da un’ulteriore delineazione della connessione intestino-cervello: la popolazione studentesca laureata esausta e sovraccarica di lavoro.

Studi di ricerca e sondaggi universitari hanno costantemente rilevato che gli studenti laureati hanno tassi più elevati di depressione e ansia, così come una cattiva alimentazione e igiene del sonno, rispetto alla popolazione generale.

Inoltre, l’incertezza e lo stress causato da COVID-19 porta con sé una serie di difficoltà aggiuntive. Vivere una pandemia globale è un’esperienza universalmente difficile, ma le sfide che comporta per gli studenti laureati in termini di pause nella raccolta dati, finanziamenti per la ricerca, lavoro clinico e isolamento dai coetanei mette questa popolazione in una situazione di sfida unica.

Comprendendo l’importanza della salute intestinale, gli scienziati psicologi possono acquisire ulteriori conoscenze nel campo fiorente della ricerca sull’asse intestinale, oltre ad apprendere modi più efficaci per gestire la propria salute e il proprio benessere durante i periodi di stress.

 

Intestino, il nostro secondo cervello

Il microbiota intestinale è spesso indicato come “secondo cervello”, e il ruolo che svolge nell’influenzare il funzionamento e il comportamento del cervello è un argomento di attualità nella ricerca scientifica.

I ricercatori sanno che l’intestino e il cervello comunicano continuamente e, sebbene non abbiano chiarito completamente questo processo, hanno identificato numerosi percorsi indiretti. Sappiamo per certo che il sistema gastrointestinale è responsabile di molto di più della digestione di quella pizza al salame con formaggio extra consumata a pranzo.

Conosciuto nella comunità scientifica come sistema nervoso enterico, il nostro secondo cervello è costituito da oltre 100 milioni di neuroni situati nelle pareti del canale alimentare del nostro intestino (che, in totale, si estende per oltre nove metri).

Nel suo libro The Second Brain (1998), Michael Gershon ha descritto come queste moltitudini di neuroni ci permettono di “sentire” il nostro funzionamento intestinale. Al di là del semplice fatto di informarci su ciò che la pizza al salame piccante sta facendo, questa informazione somatica può essere utile nel processo decisionale, nel funzionamento psicosociale e nella regolazione dei nostri stati affettivi. Uno studio recente ha anche trovato differenze nell’attività cerebrale basate sui microbioti di 40 donne (Tillisch et al., 2017). In particolare, hanno trovato che le donne con diversi livelli di due ceppi di batteri (prevotella e batteroidi) hanno dimostrato differenze nell’attività dell’ippocampo, così come l’attività nelle regioni del cervello in relazione all’elaborazione emotiva, attenzionale e sensoriale, in risposta alle immagini negative che inducono l’umore. Più si indaga questa connessione intestino-cervello, più si approfondisce l’influenza del microbiota intestinale.

 

L’intestino è sensibile alle nostre emozioni

Quando parliamo dei nostri sentimenti, che linguaggio usiamo di solito? Quanti di noi hanno mai usato la frase “scalda cuori” per descrivere un momento di tenerezza? Quando siamo nervosi e diciamo di avere “farfalle nello stomaco”, si capisce che non ci sono insetti veri e propri che svolazzano nel nostro intestino. Eppure, continuiamo a usare queste frasi somaticamente centrate per spiegare come ci sentiamo. La nostra comprensione delle emozioni è strettamente legata alle metafore corporee che usiamo per descrivere e comunicare le nostre esperienze interiori.

Precedenti ricerche sull’asse intestino-cervello hanno identificato una forte connessione tra i nostri stati emotivi affettivi e i numerosi neurotrasmettitori che risiedono nel nostro microbiota intestinale (Lerner, Neidhöfer & Matthias, 2017; Chahwan et al., 2019).

In alcuni casi, la depressione resistente al trattamento è gestita da una procedura chirurgica che stimola meccanicamente il nervo vago, uno dei più potenti modulatori del controllo parasimpatico del corpo (Careno & Frazer, 2017). Il nervo vago si estende dal cervello fino al tratto digestivo e, dato che invia informazioni in entrambe le direzioni, non dovrebbe sorprendere che si stia dimostrando un attore primario nel miglioramento della salute e del benessere di chi soffre di gravi disturbi emotivi.

 

Promuovere il benessere in tempi di stress

Come esseri umani, percepiamo dal nostro corpo sentimenti che si riferiscono al nostro stato di benessere, ai livelli di energia e di stress, all’umore e alla disposizione. E mentre tutti gli esseri umani sperimentano lo stress in diversi punti della loro vita quotidiana, è stato scoperto che gli studenti universitari spesso sperimentano un livello di stress relativamente costante che è maggiore di quello della popolazione generale.

Con le informazioni che abbiamo ora a disposizione sulla connessione intestino-cervello, ci sono diversi modi in cui possiamo indirizzare questo rapporto per aiutare a migliorare il benessere e la salute emotiva degli studenti che sperimentano lo stress nella loro impegnativa carriera scolastica dei laureati.

L’Interocezione, definita dal neuroscienziato Bud Craig (2004) come “consapevolezza soggettiva dei sentimenti interiori”, è il senso della condizione fisiologica del corpo. Dolore, temperatura, frequenza cardiaca, eccitazione e digestione sono tutte sensazioni viscerali che possono essere rilevate attraverso l’interoception. Concentrarsi maggiormente su questo “sesto senso”, meno conosciuto, per acquisire la consapevolezza dell’interocezione può aiutare a regolare i processi interni, oltre a migliorare la rilevazione dei cambiamenti corporei che possono indicare un aumento della tensione muscolare e dello stress. Praticare la meditazione e la consapevolezza su base giornaliera può aiutare a facilitare questo processo, in quanto entrambi sottolineano il “notare” e aiutano le persone a diventare più consapevoli di come il loro corpo si sente durante le diverse esperienze affettive.

Oltre a promuovere un maggiore senso di consapevolezza interna, piccoli aggiustamenti nella dieta possono anche aiutare a favorire una flora intestinale più varia e sana. Il microbiota è costituito da numerosi microrganismi e batteri che risiedono nel nostro tratto digestivo e influenzano la nostra salute metabolica.

I probiotici sono microrganismi che possono aiutare la digestione e contribuire a promuovere la salute dell’intestino, fornendo supporto al nostro secondo cervello. Alcuni alimenti fermentati, come il kimchi (info) e lo yogurt, così come bevande come il kombucha (info) possono essere modi semplici e deliziosi per fornire un supporto sano per questo collegamento.

E’ importante prestare particolare attenzione agli alimenti che mangiamo e garantire che la nostra dieta fornisca l’energia e il supporto di cui abbiamo bisogno.

 


Riferimenti

  • Carreno, F. R., & Frazer, A. (2017). Vagal nerve stimulation for treatment-resistant depression. Neurotherapeutics, 14(3), 716-727.
  • Chahwan, B., Kwan, S., Isik, A., van Hemert, S., Burke, C., & Roberts, L. (2019). Gut feelings: A randomised, triple-blind, placebo-controlled trial of probiotics for depressive symptoms. Journal of Affective Disorders, 253, 317-326.
  • Craig, A. D. (2004). Human feelings: Why are some more aware than others? Trends in Cognitive Sciences, 8(6), 239-241.
  • Fung, T. C., Vuong, H. E., Luna, C. D., Pronovost, G. N., Aleksandrova, A. A., Riley, N. G., … & Hsiao, E. Y. (2019). Intestinal serotonin and fluoxetine exposure modulate bacterial colonization in the gut. Nature Microbiology, 1-10.
  • Gershon, M. D. (1998). The Second Brain (4-7). New York, NY: HarperCollins Publishers.
  • Lerner, A., Neidhöfer, S., & Matthias, T. (2017). The gut microbiome feelings of the brain: a perspective for non-microbiologists. Microorganisms, 5(4), 66.
  • Tillisch, K., Mayer, E. A., Gupta, A., Gill, Z., Brazeilles, R., Le, B. N., … & Labus, J. S. (2017). Brain structure and response to emotional stimuli as related to gut microbial profiles in healthy women. Psychosomatic Medicine, 79(8), 905-913.

Articolo originale: P. Bruni – APS: Association for Psychological Science
Crediti immagine: katemangostar