Il consumo settimanale di bevande sportive e bevande energetiche (energy drinks) tra gli adolescenti sembra essere significativamente correlato a condotte poco sane, come ad esempio il maggiore consumo di bevande zuccherate, al consumo di sigarette e all’uso eccessivo dei media (internet, televisione, videogiochi) secondo quanto emerso in uno studio condotto da ricercatori dell’Università del Minnesota e della Duke University.

Lo studio è stato intrapreso per sviluppare la comprensione dei modelli di comportamento in tema di salute correlati al consumo di bevande sportive e energetiche da parte degli adolescenti e per trovare le strategie di intervento per ridurre il consumo di bevande zuccherate. Sebbene i dati abbiano mostrato un calo nella prevalenza del consumo di bevande analcoliche e di succhi di frutta, negli ultimi anni il consumo di bevande sportive e energetiche è triplicato tra gli adolescenti. L’alto contenuto di caffeina delle bevande energetiche, così come l’alto contenuto di zuccheri e calorie, ha suscitato molta preoccupazione da parte dei professionisti della salute.

I dati per lo studio sono stati raccolti da 20 scuole medie pubbliche e scuole superiori a Minneapolis Minnesota come parte dello studio basato sulla popolazione, denominato “Eating and Activity in Teens (EAT)”. Sondaggi e misure antropometriche sono stati completati da 2.793 adolescenti. L’età media dei partecipanti era di 14,4 anni, equamente divisi per genere e di cui l’81% è stato identificato come un background etnico/razziale diverso dal bianco non ispanico.

Tra le variabili misurate in questo studio c’erano:

  • altezza e peso;
  • frequenza di consumo per bevande sportive, bevande energetiche e colazione;
  • il tempo trascorso in attività fisica, giocando ai videogiochi e guardando la televisione;
  • se fumatori o non fumatori.

Sebbene il consumo di bevande sportive sia generalmente collegato a livelli più elevati di attività fisica (da moderata a intensa), il modello generale delle associazioni ha indicato che il consumo di bevande sportive e energetiche dovrebbe essere affrontato come parte di un raggruppamento di comportamenti non sani tra adolescenti.

Da notare che “tra i ragazzi, il consumo settimanale di bevande sportive è stato significativamente associato a una visione della TV più elevata; i ragazzi che consumavano regolarmente bevande sportive trascorrevano circa un’ora aggiuntiva a settimana a guardare la TV rispetto ai ragazzi che consumavano bevande sportive meno di una volta alla settimana“, ha dichiarato l’autore principale Nicole Larson ricercatrice all’Università del Minnesota, Minneapolis. Come altro esempio, “i ragazzi che consumavano bevande energetiche almeno settimanalmente trascorrevano circa quattro ore aggiuntive alla settimana giocando ai videogiochi rispetto a quelli che consumavano bevande energetiche meno di una volta alla settimana“.

L’American Academy of Pediatrics raccomanda che le bevande sportive vengano consumate dagli adolescenti solo dopo un’attività intensa e prolungata e che, nella maggior parte dei casi, le bevande energetiche non debbano essere consumate perché non offrono alcun beneficio e aumentano i rischi di sovra-stimolazione del sistema nervoso.

La ricerca e gli interventi futuri dovrebbero mirare al raggruppamento dei comportamenti correlati al rischio per la salute e perseguire una maggiore istruzione per promuovere sane abitudini di idratazione tra i giovani.

 

 

Lo studio