La caffeina aumenta la capacità di concentrazione e di risoluzione dei problemi, ma un nuovo studio condotto da un ricercatore dell’Università dell’Arkansas indica che non stimola la creatività.

Nelle culture occidentali, la caffeina è stereotipicamente associata a occupazioni e stili di vita creativi, dagli scrittori con il loro caffè ai programmatori e le loro bevande energetiche con caffeina aggiunta“, ha scritto Darya Zabelina, assistente professore di Psicologia e prima autrice di uno studio recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition.

Mentre i benefici cognitivi della caffeina – maggiore vigilanza, maggiore attenzione e migliori prestazioni motorie – sono ben consolidati, l’effetto dello stimolante sulla creatività è meno noto.

Nel documento, Zabelina differenzia il pensiero “convergente” dal pensiero “divergente”. Il primo è definito come ricerca di una soluzione specifica a un problema, ad esempio la risposta “corretta”. Il secondo è invece caratterizzato dalla generazione di idee in cui sarebbe adatta una vasta serie di risposte, nuove o interessanti.

La caffeina ha dimostrato di migliorare il pensiero convergente nello studio, mentre il consumo non ha avuto alcun impatto significativo sul pensiero divergente.

Per lo studio, 80 volontari hanno ricevuto in modo casuale una pillola di caffeina da 200 mg, equivalente a una tazza di caffè forte. Sono stati quindi testati su misure standard di pensiero convergente e divergente, memoria di lavoro e umore. Oltre ai risultati sulla creatività, la caffeina non ha influenzato in modo significativo la memoria di lavoro, ma i soggetti che lo hanno preso hanno riferito di sentirsi meno tristi.

I 200mg di caffeina hanno migliorato significativamente la risoluzione dei problemi (problem solving), ma non ha avuto alcun effetto sul pensiero creativo“, ha affermato Zabelina. “In ogni caso non ha peggiorato le prestazioni, quindi possiamo continuare a bere serenamente il nostro amato caffè; non interferirà con queste abilità“.

 

Lo studio

 


Crediti immagine: freepik