Un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Addictive Behaviors indica che diversi motivi per l’uso di cannabis sarebbero associati a diverse conseguenze sulla salute mentale. La ricerca suggerisce che le persone con alti livelli di stress dovrebbero evitare di usare la cannabis, poiché ciò potrebbe peggiorare gli eventuali sintomi depressivi già presenti.

Ero interessato a questo argomento perché è molto comune per le persone riferire di usare la cannabis per far fronte allo stress e/o alla depressione“, ha dichiarato l’autore dello studio Nick Glodosky della Washington State University.

Tuttavia, la ricerca condotta suggerisce che la cannabis aiuterebbe solo a breve termine, e che già nel medio periodo i sintomi che si desidera contrastare sembrano rimanere gli stessi o addirittura tenderebbero ad aggravarsi. Ci interessava, inoltre, sapere se i diversi motivi alla base dell’uso della cannabis potessero influenzare le relazioni tra stress e depressione“.

I ricercatori hanno analizzato 988 studenti universitari, che fanno uso di cannabis, per completare un sondaggio online anonimo che ha valutato i loro sintomi di ansia e depressione. Il sondaggio ha anche valutato sei diversi motivazioni per l’utilizzo della cannabis.

I ricercatori hanno scoperto che l’uso della cannabis per dimenticare le proprie preoccupazioni o rallegrarsi ha un moderato rapporto tra stress e depressione, mentre l’uso della cannabis per piacere e “comprendere meglio le cose” ha un moderato rapporto tra stress e ansia.

L’uso della cannabis per far fronte allo stress potrebbe esacerbare il legame tra stress e depressione, mentre usarlo per espandere la consapevolezza o conformarsi agli altri potrebbe aggravare il legame tra stress e ansia. Ciò significa che è importante cercare altre terapie o altri meccanismi di coping (strategie di adattamento) rispetto all’uso della cannabis quando nel soggetto si verificano alti livelli di stress, ansia o depressione“, ha spiegato Glodosky.

I risultati di questo studio si aggiungono a quelli già ottenuti da un corpus crescente di ricerche sulla relazione tra consumo di cannabis, stress, depressione e ansia.

  • Uno studio pubblicato sul Journal of Affective Disorders indica che il fumo di cannabis può ridurre, a breve termine, i livelli di depressione, ansia e stress, ma può contribuire a peggiorare i sentimenti generali di depressione nel tempo.
  • Un altro studio pubblicato JAMA Psychiatry ha invece scoperto che l’uso di marijuana durante l’adolescenza, in particolare prima dei 18 anni, era associato ad un aumentato rischio di depressione e pensieri (o tentativi) di suicidio tra i 18 e i 32 anni.

Questa è ancora una nuovissima area di ricerca, quindi ci sono molte cose che ancora non sappiamo sugli effetti a lungo termine del consumo di cannabis“, ha detto Glodosky. “Il mio studio è stato condotto anche con i dati del sondaggio raccolti in un singolo momento, quindi è necessario condurre ulteriori studi longitudinali (monitoraggio del consumo di cannabis e livelli di stress, ansia o depressione nel tempo) per avere una migliore idea di causa-effetto“.

 

 

Lo studio

 

Riferimenti

 

 


Crediti immagine: jcomp