Le persone che vivono con la celiachia (CD, Celiac Disease) hanno un rischio maggiore di danni neurologici secondo quanto rilevato da un nuovo studio condotto dall’Università di Sheffield.

Lo studio ha scoperto che il cervello delle persone celiache ha mostrato evidenza di danni alla materia cerebrale e deficit cognitivi sotto forma di tempi di reazione rallentati. Oltre a questo danno neurologico, questo gruppo di persone aveva anche indicazioni di peggioramento della salute mentale rispetto a soggetti di controllo sani abbinati allo stesso studio.

I ricercatori sperano che questa ricerca aiuterà i medici ad adattare le loro cure ai pazienti con celiachia che possono presentare anche i più lievi cambiamenti cognitivi; fornire rassicurazione e motivazione per il mantenimento di una dieta rigorosamente priva di glutine (GFD, Gluten Free Diet) e sradicare qualsiasi scetticismo nella comunità clinica.

Gli individui che vivono con la celiachia hanno una maggiore sensibilità al glutine e si consiglia loro di seguire una rigorosa dieta che ne sia priva, l’unico metodo attuale per ridurre al minimo l’esposizione e il rischio immediato di danni al loro sistema digestivo.

A seguito di un’esposizione ripetuta o incontrollata, questa risposta autoimmune al glutine può anche portare a gravi complicazioni e problemi di salute a lungo termine per le persone celiache. Questi includono un rischio maggiore di malattia coronarica, tumori dell’intestino tenue, deterioramento della salute delle ossa e danni al sistema nervoso.

C’è stato un lungo dibattito tra neurologi e gastroenterologi sul fatto che questo danno neurologico sia causato su persone con disturbo celiaco, con studi precedenti che hanno fornito prove contrastanti.

Nel tentativo di porre fine a questo dibattito, i ricercatori dell’Università di Sheffield hanno condotto uno studio utilizzando campioni di studio di terze parti indipendenti di persone senza malattie neurologiche preesistenti, provenienti dalla Biobanca Nazionale Britannica (UK Biobank). Questi dati, inclusi i punteggi dei test cognitivi e i dati di imaging del cervello, sono stati usati per eliminare dallo studio qualsiasi cosiddetto “pregiudizio di accertamento”.

Tratti di sostanza bianca del cervello sono mostrati in verde nei partecipanti al controllo. Queste parti appaiono diverse nel gruppo con celiachia, evidenziate in rosso/arancione/giallo; queste evidenziature indicano danni al tessuto cerebrale. L’immagine è attribuita a Iain Croall et al.

Il dott. Iain Croall, ricercatore del Dipartimento di Infezione, Immunità e Malattie Cardiovascolari dell’Università di Sheffield, ha riferito che “per la prima volta, lo studio offre una certa chiarezza sul fatto che sembra esserci il rischio di danno neurologico per le persone celiache, guidato dalla loro risposta autoimmune all’esposizione al glutine“.

I nostri partecipanti celiaci hanno mostrato deficit neurologici e psicologici significativi rispetto ai partecipanti del gruppo di controllo. I dati del gruppo celiaco hanno mostrato un significativo deficit di tempo di reazione, rispetto ai partecipanti al controllo; hanno anche mostrato segni di ansia, infelicità e depressione legate alla salute“.

Il tempo di reazione è un indicatore della velocità di elaborazione cognitiva e le persone che hanno compromesso il tessuto della materia bianca mostrano frequentemente menomazioni in quest’area funzionale specifica.

Ricerche precedenti hanno anche evidenziato che il 50% dei pazienti celiaci di nuova diagnosi presentano sintomi neurologici clinici, mentre studi sulla popolazione hanno dimostrato che vivere con la celiachia può aumentare il rischio di sviluppare condizioni come la demenza vascolare in età avanzata.

Se i risultati del precedente rapporto fossero dovuti a una propensione all’accertamento, non avremmo trovato prove di disfunzione neuropsicologica nei dati di terzi dei partecipanti alla biobanca del Regno Unito“, ha affermato il dott. Croall.

Ciò che la ricerca mostra è che sarebbe di grande beneficio per i medici aiutare le persone celiache ad essere il più vigili possibile con la loro dieta priva di glutine. Ridurre qualsiasi esposizione accidentale al glutine controlla eventuali ulteriori danni al cervello e promuove la guarigione all’interno dell’apparato digerente salvaguardando un migliore livello di salute generale“, ha concluso il dott. Croall.

 

 

Lo studio

 


Crediti immagine: freepik