Le persone che evitano il consumo di carne tendono ad avere una salute psicologica peggiore di quelle che mangiano carne, secondo una nuova ricerca pubblicata su Critical Review in Food Science and Nutrition. Lo studio, che non ha tratto alcuna conclusione sulla causalità, ha scoperto che i vegetariani e i vegani erano a maggior rischio di depressione, ansia e autolesionismo.

Le scelte dietetiche sono state un potente indicatore della classe sociale e della successiva selezione dei compagni di vita fin dall’antichità. Di conseguenza, ciò che mangiamo e il modo in cui mangiamo sono parti integranti della nostra identità e influenzano direttamente la nostra salute attraverso percorsi fisiologici, sociali e psicologici“, ha spiegato l’autore dello studio Urska Dobersek, assistente alla University of Southern Indiana.

Pertanto, dato il drammatico aumento del veganismo e delle malattie mentali negli ultimi due decenni, una rigorosa revisione sistematica è stata un primo passo necessario per esaminare le relazioni tra il consumo di carne e la salute mentale“.

 

Caratteristiche della ricerca sugli effetti sulla salute mentale dell’uso di carne nella propria dieta rispetto al veganesimo e al vegetarianismo

I ricercatori hanno esaminato 18 studi precedenti sulla relazione tra consumo di carne e salute psicologica (che era ridotta a depressione, ansia, autolesionismo deliberato, percezione dello stress e qualità della vita). Gli studi includevano 149.559 consumatori di carne e 8.584 tra vegani e vegetariani dall’Europa, dall’Asia, dal Nord America e dall’Oceania.

Si è innanzitutto notato che il termine “vegetariano” poteva essere stato interpretato in vari modi nei diversi studi. Per evitare confusione, i ricercatori hanno quindi esaminato solo studi che fornivano una chiara distinzione tra i “mangiatori di carne” e quelli che si “astenevano dal consumare la carne“.

I ricercatori hanno scoperto “prove evidenti” che coloro che si astenevano dal consumo di carne tendevano ad avere tassi più alti di depressione, ansia e autolesionismo rispetto a quelli che consumavano carne. Meno chiaro è risultato il modo in cui il consumo di carne fosse correlato alla percezione dello stress e alla qualità della vita.

I miei coautori e io siamo rimasti davvero sorpresi dalla coerenza del rapporto tra evitamento della carne e aumento della prevalenza di malattie mentali tra le popolazioni prese in esame. Come abbiamo affermato nelle nostre conclusioni, il nostro studio non supporta l’evitamento della carne come strategia a beneficio della salute psicologica“, ha detto Dobersek.

Ma la relazione causale tra evitamento della carne e salute psicologica non è ancora risultata chiara. Dei 18 studi esaminati, 16 hanno utilizzato un disegno in sezione trasversale.

I due studi che hanno fornito alcune prove di causalità avevano tra loro risultati contrastanti. Uno studio controllato randomizzato ha scoperto che i vegetariani hanno riportato un umore significativamente migliore rispetto agli onnivori e ai mangiatori di pesce, mentre uno studio longitudinale ha scoperto che una dieta vegetariana era predittiva di depressione e ansia.

La correlazione non implica una relazione causale e presentiamo diverse spiegazioni per i nostri risultati. Ad esempio, le persone che lottano con la malattia mentale possono modificare la loro dieta come una forma di auto-trattamento; diete vegane e vegetariane possono portare a carenze nutrizionali che aumentano il rischio di malattie mentali; molte persone con disturbi alimentari usano il veganismo e il vegetarianismo come “copertura” per nascondere la propria malattia; e gli individui che sono estremamente sensibili o focalizzati sulla sofferenza degli animali possono diventare sia vegetariani che depressi e/o ansiosi“, ha spiegato Dobersek.

 

Considerazioni sulla ricerca

Ci sono delle domande che devono essere affrontate. Innanzitutto, perché la maggior parte dei vegani e dei vegetariani ad un certo punto torna a mangiare carne? È un impulso biologico per superare le carenze nutrizionali o i benefici percepiti sono sopraffatti dallo stigma sociale dei modelli dietetici non occidentali? O forse, è la novità e l’attenzione a perdere effetto nel tempo, mentre lo sforzo richiesto per mantenere uno stile di vita vegano e vegetariano rimane invariato? In secondo luogo, qual è il modello temporale della relazione tra dieta e disturbi mentali? In altre parole, il cambiamento nella dieta si verifica prima o dopo che si manifestano i problemi psicologici?

Dobersek e i suoi colleghi hanno deciso di condurre una revisione sistematica perché la ricerca sull’astensione dalla carne era diventata sempre più contraddittoria

La persona media generalmente non ha le conoscenze e la formazione necessarie per collocare i risultati di un singolo progetto di ricerca nel più ampio corpus di conoscenze scientifiche e storiche. Pensiamo che questa realtà sia alla base delle “guerre dietetiche” e degli onnipresenti fatti sulla nutrizione“, ha detto Dobersek.

Il nostro studio fornisce ulteriori prove del fatto che, poiché gli esseri umani sono onnivori, è illogico e potenzialmente malsano raccomandare di “seguire una dieta variata” seguito da un lungo elenco di alimenti, bevande e sostanze nutritive da evitare (ad es. carne, uova, zucchero, sale, grassi, succhi di frutta, ecc.). Ciò è particolarmente vero, come hanno dimostrato i miei coautori, quando le prescrizioni e le raccomandazioni si basano su discorsi immaginari su presunte relazioni dieta-malattia“.

 


Lo studio


Crediti immagine: KamranAydinov