Una nuova ricerca fornisce la prova che le persone appartenenti alle classi sociali più elevate sono più incapaci a comprendere gli stati emotivi degli altri rispetto alle persone delle classi sociali più basse. Lo studio è stato pubblicato nel “Personality and Social Psychology Bulletin”.

Il mio coautore ed io ci siamo proposti di esaminare una questione che riteniamo importante, vista la tendenza all’aumento delle disuguaglianze economiche nella società di oggi: In che modo l’accesso alle risorse (ad es. denaro, istruzione) influenza il modo in cui elaboriamo le informazioni sugli altri esseri umani?” ha detto l’autrice dello studio Pia Dietze, una studiosa post-dottorato dell’Università della California.

Abbiamo cercato di rispondere a questa domanda esaminando due componenti essenziali all’interno del repertorio umano per comprendere la mente dell’altro: il modo in cui leggiamo gli stati emotivi dai volti delle altre persone e quanto siamo inclini a prendere la prospettiva visiva di un’altra persona“.

Per il loro studio, i ricercatori hanno reclutato 300 individui dalla piattaforma Mechanical Turk di Amazon e altri 452 individui dalla piattaforma Prolific Academic. I partecipanti hanno completato un test di empatia cognitiva chiamato “Reading the Mind in the Eyes Test”, che valuta la capacità di riconoscere o dedurre lo stato d’animo di qualcun altro guardando solo i suoi occhi e le aree circostanti.

I ricercatori hanno anche fatto completare a 138 laureandi dell’Università di New York un test di prospettiva visiva, noto come “Director Task”, in cui si richiedeva loro di spostare gli oggetti sullo schermo di un computer in base alla prospettiva di un avatar virtuale.

I ricercatori hanno scoperto che le persone di classe sociale inferiore tendevano ad ottenere risultati migliori sia nel test Reading the Mind in the Eyes Test che nel Director Task, rispetto alle loro controparti di classe sociale superiore.

I ricercatori hanno potuto affermare che gli individui di ceto sociale inferiore sono più bravi a identificare le emozioni dai volti delle altre persone e sono più propensi a prendere spontaneamente la prospettiva visiva di un’altra persona.

Questo è in linea con un ampio lavoro che documenta la tendenza delle persone di ceto sociale inferiore ad essere più in sintonia con gli altri. Inoltre, “la ricerca mostra che questo fenomeno può accadere a un livello molto basilare; in pochi secondi o millisecondi dall’incontro con un nuovo volto o una nuova persona“, ha detto Dietze.

Questa ricerca si basa su dati correlazionali. Pertanto, dobbiamo vederla come parte di un lavoro più ampio per rispondere alla domanda di causalità. Tuttavia, le intuizioni acquisite dal nostro studio ci permettono di speculare su come e perché pensiamo che queste tendenze si sviluppino“, ha spiegato Dietze.

Noi teorizziamo che la classe sociale può influenzare l’elaborazione delle informazioni sociali (cioè l’elaborazione delle informazioni sulle altre persone) a un livello così basico a causa del fatto che le classi sociali possono essere concettualizzate come una forma di cultura a parte. In quanto tali, le culture di classe sociale (come altre forme di cultura, ad esempio le culture nazionali), hanno un’influenza psicologica pervasiva che influisce su molti aspetti della vita, a volte anche a livelli precognitivi“.

 


Lo studio


Crediti immagine: v.ivash