L’umorismo è associato a un maggiore ottimismo e a minore ansia e minore depressione, secondo uno studio pubblicato sull’International Journal of Clinical and Health Psychology.

Ricerche precedenti già dimostrano che l’umorismo svolge un importante ruolo nel mediare l’ansia e la depressione, oltre a favorire una attitudine ottimistica. Questo nuovo studio voleva esplorare ulteriormente questa dinamica usando un modello matematico, con la speranza di capire meglio se l’umorismo protegga o meno da alcuni problemi di salute mentale.

Per lo studio, 804 cittadini spagnoli (18-76 anni) hanno completato due questionari:

  1. Educational-clinical Questionnaire of Anxiety and Depression: un questionario clinico su ansia e depressione;
  2. Optimism Questionnaire: un questionario sull’ottimismo.

I partecipanti hanno poi completato anche un questionario sullo stile dell’umorismo, che lo classifica in quattro stili distinti, come originariamente descritto dallo psicologo Rod Martin.

Si pensa che i quattro tipi di umorismo abbiano diversi effetti sulla salute mentale, e sono classificati nella scala valutativa come positivi o negativi.

I due stili positivi di umorismo sono:

  • l’umorismo affiliato, che implica fare battute che gli altri apprezzeranno;
  • l’umorismo che si autoalimenta, che implica trovare l’umorismo nella propria situazione per sentirsi meglio.

I due stili negativi di umorismo, invece, sono:

  • l’umorismo aggressivo: uno stile negativo che implica fare battute a spese degli altri, come prendere in giro e ridicolizzare.
  • l’umorismo autolesionista, che implica l’uso dell’umorismo per degradare se stessi al fine di ottenere l’approvazione degli altri.

Non sorprende che i due stili positivi di umorismo fossero associati a un maggiore ottimismo e a una riduzione dell’ansia e della depressione. D’altra parte, i due usi negativi dell’umorismo (aggressivo e autodistruttivo) erano correlati a punteggi più alti di ansia e depressione e punteggi più bassi di ottimismo.

Credo che l’aspetto più essenziale che si dovrebbe cogliere da questo lavoro è che l’umorismo sia, per lo più, onnipresente nelle relazioni umane informali e un fattore importante per i legami“, ha riferito l’autore dello studio Álvaro Menéndez Aller, dell’Università di Oviedo. “Non sottovalutare mai il potere delle battute“.

I risultati erano in linea con le ricerche precedenti che mostravano come gli uomini avevano molte più probabilità di usare un umorismo aggressivo. Per quanto riguarda l’età, l’effetto più grande è stato riscontrato per l’umorismo affiliato. Con l’aumentare dell’età, l’uso dell’umorismo affiliato è diminuito.

È interessante notare che i risultati hanno mostrato che l’umorismo autolesionista aveva correlazioni positive con i due stili positivi dell’umorismo. Ricerche precedenti hanno riscontrato lo stesso effetto in un altro campione spagnolo e hanno proposto una spiegazione di matrice culturale. I ricercatori spiegano che l’umorismo autolesionista potrebbe essere particolarmente diffuso e accettato in Spagna.

Questo studio presenta nuove prove del ruolo protettivo dell’umorismo, usando un nuovo modello matematico di analisi del percorso. I risultati hanno implicazioni interessanti per quanto riguarda le impostazioni cliniche. Gli autori riferiscono: “Un paziente con depressione può avere un punteggio elevato negli usi autolesionistici dell’umorismo, il che indicherebbe al suo terapeuta un modo che tale paziente ha di affrontare l’adattamento al proprio ambiente (attraverso l’uso di un umorismo aneddotico più affiatato piuttosto che focalizzandosi sulle proprie qualità negative)“.

Lo studio dell’umorismo, anche se risale a Platone, è ancora, nella migliore delle ipotesi, un neonato della ricerca scientifica“, ha detto Aller. “L’umorismo presenta molte barriere quando si tratta del suo studio e la prima sarebbe la sua natura eterogenea: ciò che mi fa ridere non farà necessariamente ridere anche te. Ma la barriera più grande è quella culturale. Ad esempio, in Cina, l’umorismo è concepito in modo radicalmente diverso rispetto all’Occidente. Questa differenza isola ogni conclusione che i ricercatori dei paesi occidentali fanno sull’umorismo e questo è qualcosa che, come ricercatori, dobbiamo sempre prendere in considerazione“.

 

 

Lo studio

 


Crediti immagine: drobotdean