Mentre il mondo intero dà la priorità al distanziamento sociale per fermare, o rallentare, la diffusione del Coronavirus (COVID-19), un nuovo studio condotto da ricercatori della Florida Atlantic University dimostra che il contatto, specificamente il contatto madre-bambino, sarebbe essenziale per una regolazione ottimale dello sviluppo neurologico nella prima infanzia.

La “cura del canguro” (definita anche Kangaroo Care, Kangaroo Mother Care o marsupioterapia), un metodo di contatto pelle a pelle (in particolare petto a petto) per prendersi cura di un bambino, specialmente un prematuro, è stata associata alla promozione dello sviluppo neurofisiologico. Questo metodo di cura sottolinea l’importanza di tenere il bambino nudo o parzialmente vestito contro la pelle nuda di un genitore, in genere la madre. Una nuova ricerca sta dimostrando che l’uso prolungato di Kangaroo Care può apportare benefici positivi ai neonati a termine e alle loro madri durante il periodo post-partum.

Lo studio longitudinale (randomizzato e controllato) ha esaminato se il metodo Kangaroo Care influenza i marcatori di neuro-maturazione nei neonati sani di gravidanze portate a termine. I ricercatori si sono concentrati sulla potenziale associazione tra il Kangaroo Care e lo sviluppo del cervello infantile, in particolare le misurazioni in EEG (elettroencefalogramma) di asimmetria/potenza e coerenza.

Oltre ai modelli EEG, i ricercatori hanno esaminato l’ossitocina basale e la reattività del cortisolo nei neonati e nelle loro madri. L’ossitocina è un ormone associato alla cura e al comportamento affettivo, mentre la reattività del cortisolo è implicata nel sistema di risposta allo stress. I ricercatori hanno confrontato sei settimane di cura del canguro con la cura standard (gruppo di controllo) durante i primi tre mesi di vita del neonato.

Per lo studio, le madri assegnate al gruppo Kangaroo Care hanno ricevuto da un trainer certificato un insegnamento sulle procedure appropriate in occasione di una visita prenatale. Alle madri è stato chiesto di usare Kangaroo Care, contatto pelle a pelle, torace a torace con il bambino, per un’ora al giorno e per sei settimane, e sono stati forniti dei diari per registrare la frequenza d’uso del Kangaroo Care. Alle madri del gruppo di controllo sono stati dati cuscini e riviste per l’alimentazione dei neonati e gli è stato chiesto di registrare le poppate, sempre per sei settimane.

I bambini sono stati dotati di un cappuccio elasticizzato in Lycra per misurare l’attività EEG. L’ossitocina è stata misurata raccogliendo le urine di madre e figlio, mentre la reattività del cortisolo infantile è stata misurata raccogliendo campioni di saliva prima e dopo un lieve fattore di stress.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Infant Behaviour and Development, dimostrano che la fisiologia delle madri e dei loro bambini è influenzata dall’aver ottenuto una formazione sul Kangaroo Care e dal suo utilizzo durante il periodo post-partum.

Volevamo sapere se l’esposizione alla stimolazione tattile estesa usando il metodo Kangaroo Care aumentasse l’ossitocina basale periferica e sopprimesse la reattività del cortisolo nei bambini del nostro studio“, ha affermato Nancy Aaron Jones, Ph.D., autore senior, professore associato, e direttore del FAU WAVES Emotion Laboratory presso il Dipartimento di Psicologia del Charles E. Schmidt College of Science e membro del FAU Brain Institute (I-BRAIN). “Volevamo anche esaminare se il Kangaroo Care aumentasse i livelli di ossitocina nelle madri, conoscenza che avrebbe importanti implicazioni nella prevenzione della depressione post-partum“.

I risultati hanno mostrato che l’area frontale sinistra del cervello del bambino (implicata nelle abilità di regolazione cognitiva ed emotiva di ordine superiore) sembra essere stimolata dal metodo Kangaroo Care. Inoltre, le diadi madre/neonato hanno mostrato un aumento dell’ossitocina insieme a una diminuzione della reattività allo stress, suggerendo che le capacità regolatorie sono potenziate da esperienze di caregiving positivo durante l’infanzia.

I risultati dello studio indicano che l’utilizzo del Kangaroo Care durante l’infanzia può influenzare favorevolmente sia le traiettorie dello sviluppo neurologico che il funzionamento neurobiologico infantile.

I risultati ottenuti in diversi studi dimostrano un legame tra le dimensioni di supporto del comportamento di caregiving materno e il neurosviluppo dell’emisfero sinistro, in cui il calore e la sensibilità materni predicono maggiori capacità regolatorie e lo sviluppo di un attaccamento sicuro“, ha affermato Jones. “I bambini e le loro madri probabilmente trarranno beneficio dalle esperienze interattive positive inerenti all’uso prolungato di questo metodo di cura infantile“.

Il laboratorio emozionale FAU WAVES si concentra sulla comprensione dei fattori che contribuiscono allo sviluppo del benessere socio-emotivo durante l’infanzia e l’infanzia. Finanziato in parte dal National Institute of Mental Health del National Institutes of Health, la ricerca in laboratorio è stata progettata per esplorare e comprendere i fattori che contribuiscono allo sviluppo ottimale di neonati e bambini.

 

Lo studio

 


Crediti immagine: prostooleh