Gli uomini fermamente convinti che la loro virilità debba essere guadagnata, e che essa possa anche essere persa, mostrano una reattività del cortisolo (definito prosaicamente “l’ormone dello stress”) più pronunciata quando percepiscono che la loro mascolinità è minacciata, stando ai risultati di una ricerca pubblicata sulla rivista Psychology of Men & Masculinities. Tali risultati indicano che le convinzioni sulla mascolinità possono influenzare la risposta allo stress fisiologico degli uomini e potenzialmente la loro salute.

Gli uomini hanno un’aspettativa di vita più breve rispetto alle donne; tendono a morire circa cinque anni prima. Sono interessato a cercare di capire perché“, ha detto l’autrice dello studio Mary S. Himmelstein, assistente professore di scienze psicologiche alla Kent State University.

Ho iniziato a studiare l’impatto della mascolinità sulla salute degli uomini mentre ero studentessa universitaria. Ho iniziato concentrandomi su come la mascolinità ha influenzato le barriere alla ricerca sanitaria e alla comunicazione medico-paziente. Questo progetto nasce dal desiderio di capire se esistessero meccanismi fisici alla base della relazione tra mascolinità e salute. L’obiettivo qui era capire in che modo la mascolinità potrebbe “entrare sotto la pelle” per avere un impatto sulla salute attraverso meccanismi fisici piuttosto che comportamentali“.

Per esaminare questo argomento i ricercatori hanno coinvolto 212 studenti di sesso maschile in un discorso sul loro lavoro ideale mentre ricevevano feedback in tempo reale sulla loro mascolinità percepita tramite il monitor di un computer. Invece di ricevere un feedback reale in relazione al loro discorso, tuttavia, ai partecipanti sono stati mostrati casualmente diversi modelli di valutazione della mascolinità.

I ricercatori hanno anche raccolto campioni di saliva dai partecipanti prima del discorso, immediatamente dopo il discorso, 10 minuti dopo il discorso e 20 minuti dopo il discorso, che sono stati utilizzati per misurare i livelli di cortisolo.

Himmelstein e i suoi colleghi hanno scoperto che tra gli uomini che hanno mostrato convinzioni della virilità più incerte/precarie tendevano a mostrare una maggiore reattività del cortisolo.

In altre parole, i partecipanti che erano fortemente d’accordo con affermazioni come “Un uomo ha bisogno di dimostrare la sua mascolinità” hanno avuto una risposta allo stress fisiologico più forte dopo aver visto il loro punteggio di mascolinità diminuire durante il loro discorso.

Himmelstein precisa che “questo studio si basa teoria della virilità precaria, secondo cui:

  1. la mascolinità implica lo stato sociale; 
  2. che lo status maschile può essere facilmente perso quando gli uomini mostrano comportamenti incompatibili con le norme maschili (ad esempio, mostrando debolezza o vulnerabilità).

In parole povere, l’ideazione di questi soggetti è che qualcuno possa portare via loro “l’appartenenza alla categoria uomo” se mostrassero un comportamento stigmatizzato come sconveniente per gli uomini (ad esempio, piangere in pubblico). Abbiamo scoperto che gli uomini che hanno queste ideazioni ben radicate tendono a sperimentare stress fisico quando percepiscono, secondo i loro parametri, una perdita di status maschile”.

Le conseguenze di questo tipo di ideazione potrebbero avere risvolti anche nel lungo periodo, infatti la Himmelstein sottolinea che “nel corso del tempo ciò significa che gli uomini che sentono costantemente il bisogno di mettersi alla prova e dimostrare di essere “virili” si stanno probabilmente esponendo ad un rischio maggiore di patologie croniche che sono influenzate dallo stress (ad esempio, attacchi di cuore)”.

La maggiore reattività del cortisolo, tuttavia, era presente solo tra i punteggi nel quartile superiore sulla misura della virilità precaria. “Le nostre scoperte riguardano solo le persone che sostengono fortemente l’idea che sia possibile perdere lo status maschile. Altri lavori suggeriscono che queste credenze sono anche legate al comportamento a rischio e influenzano la comunicazione medico-paziente, entrambe le quali hanno anche un impatto negativo sulla salute nel tempo“, ha spiegato Himmelstein.

Ci sono probabilmente molteplici percorsi (ambientali, comportamentali, cognitivi, fisiologici) associati a queste credenze che mettono a rischio la salute degli uomini. Non si è ancora capito come queste credenze cambino nel tempo e in che modo influenzino la salute degli uomini nel tempo. Penso che sia importante cambiare la narrativa sulla ricerca di aiuto tra gli uomini. Ammettere che hai bisogno di aiuto, specialmente per problemi di salute mentale, dovrebbe essere visto come una forma di forza piuttosto che di debolezza”, ha infine concluso Himmelstein.

 

 

Lo studio:

 

Crediti immagine: Freepik