Gli individui tendono a considerarsi meno capaci degli altri a cambiare volontariamente le proprie convinzioni, secondo una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Personality and Social Psychology.

Psicologi e filosofi hanno a lungo pensato che le convinzioni non siano sotto il nostro diretto controllo, e che ci sia possibile influenzare ciò in cui crediamo solo in una certa misura“, ha detto l’autore dello studio, Corey Cusimano, un associato di ricerca post-dottorato presso la Princeton University.

Questi studiosi di solito fanno queste affermazioni sulla base dell’introspezione, guardando verso l’interno e riportando come si sono sentiti quando hanno cercato di cambiare delle loro convinzioni. Alcuni lavori recenti, che io e altri abbiamo condotto, hanno suggerito che le persone comuni non pensano alle credenze in questo modo – piuttosto tendono a pensare che le credenze siano controllabili. Se le persone hanno le stesse intuizioni sulle credenze che i filosofi hanno quando si introspettano, abbiamo quindi pensato che forse avrebbero rivisto le proprie e alle altrui credenze in modo diverso“.

Cusimano e i suoi colleghi hanno condotto sette studi, con più di 3.500 partecipanti in totale, per esaminare quanto controllo le persone credono di avere sulle proprie convinzioni e quanto controllo le stesse persone credono che gli altri abbiano sulle loro rispettive convinzioni.

I ricercatori hanno costantemente rilevato che le persone tendono a vedere gli altri come se avessero più controllo sulle proprie convinzioni di quanto ne avessero loro stessi.

Per esempio, le persone credevano che gli altri fossero più capaci di cambiare credenza su fatti come l’esistenza di Dio o che i social media abbiano sinora avuto un impatto complessivo negativo sull’umanità.

Questa discrepanza era vera anche quando i partecipanti prendevano in considerazione sia qualcuno che aveva la stessa identica convinzione che quando consideravano altri a loro più vicini, come un migliore amico o un partner romantico. “La discrepanza è sorta non solo per le credenze fornite da noi come sperimentatori, ma anche per le credenze che i soggetti stessi hanno fornito“, hanno detto i ricercatori.

Abbiamo l’idea che le credenze siano libere scelte, ma questa idea è in conflitto con ciò che si prova quando si ha una credenza“. I ricercatori suggeriscono di tenere a mente che “le altre persone probabilmente sentono le loro convinzioni come voi sentite le vostre, cioè che non possono cambiare ciò in cui credono, almeno non semplicemente“, ha detto Cusimano.

I ricercatori hanno anche trovato una potenziale spiegazione per un’altra discrepanza. Nel giudicare il loro controllo sulle proprie convinzioni, i partecipanti erano più propensi a citare prove o argomentazioni a sostegno della convinzione in questione.
Quando giudicano le altre persone, di contro, i partecipanti si sono mostrati più propensi a citare concetti generici sul controllo delle convinzioni, attraverso dichiarazioni come “Chiunque può scegliere di credere a qualsiasi cosa“.

Ma la quantità di controllo che le persone hanno in realtà quando si tratta di scegliere cosa credere non è ancora chiaro.

Una delle questioni principali è se le nostre sensazioni di basso controllo siano o meno precise. Cioè, davvero non possiamo “scegliere” ciò in cui credere? Tutto sommato, penso che altri dati in psicologia suggeriscano che i nostri sentimenti di basso controllo siano più vicini alla verità. Ma in questo campo di ricerca credo che abbiamo ancora del lavoro da fare“, ha concluso Cusimano.


Lo studio


Crediti immagine: yanalya