Una nuova ricerca fa luce sul rapporto tra perfezionismo e depressione. Lo studio, pubblicato sul Journal of Research in Personality, indica che il perfezionismo porta a sintomi depressivi generando stress e disconnessione sociale.

Credo che la distruttività del perfezionismo sia gravemente fraintesa e sottovalutata. Inoltre, la ricerca suggerisce che attualmente stiamo affrontando un’epidemia di perfezionismo. Ho ritenuto importante far luce su questo problema“, ha affermato l’autore dello studio Martin M. Smith, docente alla York St. John University di York.

 

Presupposti sullo studio della correlazione tra perfezionismo e depressione

I ricercatori erano particolarmente interessati a come due aspetti del perfezionismo – le preoccupazioni perfezionistiche (la percezione che altri ci richiedano la perfezione) e gli sforzi perfezionistici (esigere la perfezione di se stessi) – fossero collegati a sintomi depressivi. Per comprendere meglio questa relazione, hanno condotto una meta-analisi di 18 studi longitudinali, che includevano 5.568 partecipanti in totale.

Smith e i suoi colleghi hanno scoperto che maggiori preoccupazioni perfezionistiche e sforzi perfezionistici prevedevano entrambi aumenti futuri dei sintomi depressivi.

Il perfezionismo non è né salutare, positivo, adattivo o funzionale. Piuttosto è un problema serio che può causare profondi danni psicologici. In quanto tale, se qualcuno è alle prese con il perfezionismo, lo incoraggio a parlare con un professionista della salute mentale“, ha detto Smith. “Non esiste una pillola in grado di trattare il perfezionismo. Detto questo, ci sono prove convincenti che il perfezionismo è curabile, specialmente nel contesto di psicoterapie a lungo termine“.

I ricercatori hanno anche scoperto che lo stress e la disconnessione sociale hanno parzialmente spiegato il legame tra perfezionismo e depressione. Le maggiori preoccupazioni perfezionistiche erano associate all’accresciuto stress e alla disconnessione sociale, mentre i maggiori sforzi perfezionistici erano associati all’accresciuta disconnessione sociale, ma non allo stress.

 

Perfezionismo e depressione: risultati della ricerca

I risultati indicano che “le persone ad alto rischio di perfezione sembrano pensare, sentire e comportarsi in modi che aumentano la probabilità di sperimentare e suscitare eventi stressanti, rendendoli in tal modo vulnerabili ai sintomi depressivi“, hanno spiegato i ricercatori.

Inoltre, “stabilire connessioni significative con gli altri è spesso difficile per le persone con preoccupazioni perfezionistiche, poiché l’approvazione, l’accettazione e l’amore degli altri sono giudicati imminenti solo se raggiungono risultati perfetti. Allo stesso modo, le persone ricche di sforzi perfezionistici perseguono spesso obiettivi agentivi, a scapito di obiettivi collettivi, che speculiamo possa fargli perdere o ignorare le possibilità di partecipare a relazioni significative, cose che, a loro volta, portano a sintomi depressivi“.

Sebbene la nostra comprensione del perfezionismo sia migliorata, c’è ancora molto da imparare su come si sviluppa verso livelli disadattivi“, ha concluso Smith.

Può essere interessante anche esaminare la relazione tra il perfezionismo disfunzionale e lo stile materno autoritario.

 


Lo studio


Crediti immagine: rawpixel