L’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico è stata collegata a un rischio maggiore di depressione. Inoltre, il rischio di suicidio è misurabilmente più alto nei giorni in cui i livelli di PM10 sono stati elevati per oltre tre giorni dopo periodi di minore inquinamento. Le persone esposte a livelli più alti di inquinamento atmosferico hanno quindi maggiori probabilità di soffrire di depressione o morire per suicidio, come rilevato in una nuova analisi condotta dall’UCL.

La prima revisione sistematica e meta-analisi delle prove che collegano l’inquinamento atmosferico e una serie di problemi di salute mentale, è stata pubblicata su Environmental Health Perspectives, ed ha esaminato i dati di studio di 16 paesi.

I ricercatori hanno scoperto che, se la relazione con la depressione riportata in alcuni di questi studi è causale, ridurre l’esposizione media globale all’inquinamento atmosferico da particolato fine (PM2,5) da 44 microgrammi per metro cubo (μg/m3) a 25μg/m3 potrebbe comportare una riduzione del 15% del rischio di depressione in tutto il mondo.

Le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità raccomandano che l’inquinamento da polveri sottili – piccole particelle sospese nell’aria che possono includere polvere e fuliggine – sia mantenuto al di sotto di 10 μg / m3.

Sappiamo già che l’inquinamento atmosferico è dannoso per la salute delle persone, con numerosi rischi per la salute fisica che vanno dalle malattie cardiache e polmonari all’ictus e un rischio maggiore di demenza“, ha affermato l’autore principale dello studio, la Dott.ssa Isobel Braithwaite (UCL Psychiatry and UCL Institute of Health Informatics).

Qui, stiamo dimostrando che l’inquinamento atmosferico potrebbe causare danni sostanziali anche alla nostra salute mentale, rendendo ancora più urgente il motivo per ripulire l’aria che respiriamo“.

Il team di ricerca ha cercato studi che avevano approfondito l’associazione tra l’inquinamento da particolato e cinque diverse conseguenze negative sulla salute mentale negli adulti. Hanno identificato 25 studi che soddisfacevano i loro criteri, nove dei quali sono stati inclusi nelle analisi primarie.

Cinque studi che hanno esaminato l’esposizione a lungo termine del particolato e la depressione sono stati inclusi in una meta-analisi. Unendo i risultati, hanno scoperto che un aumento di 10 μg/m3 (microgrammi per metro cubo) del livello medio di particolato fine (PM2,5) all’inquinamento atmosferico a cui le persone erano esposte per lunghi periodi era associato a un aumento di circa il 10% delle loro probabilità di sviluppare depressione.

Abbiamo trovato risultati abbastanza coerenti negli studi che abbiamo esaminato che hanno analizzato la relazione tra esposizione all’inquinamento atmosferico a lungo termine e depressione, anche dopo l’adeguamento per molti altri fattori che potrebbero spiegare l’associazione. L’associazione sembra essere simile in grandezza a quelli che sono stati trovati per alcuni impatti sulla salute fisica del particolato, come la mortalità per tutte le cause“, ha detto la Dott.ssa Braithwaite.

I livelli globali di PM2.5 della città vanno dai 114 e 97 a Delhi e Dhaka, ai 6 registrati ad Ottawa e Wellington. Nelle città del Regno Unito, il livello medio di particolato a cui sono esposte le persone è di 12,8 μg/m3. I ricercatori stimano che la riduzione dei livelli medi di inquinamento atmosferico al limite raccomandato dall’OMS di 10 μg/m3 potrebbe ridurre il rischio di depressione dei residenti urbani nel Regno Unito di circa il 2,5%.

I ricercatori hanno anche trovato prove di una connessione tra i cambiamenti a breve termine nell’esposizione all’inquinamento da particolato grosso (PM10)* e il numero di suicidi, incrociando i risultati di quattro diversi studi in una meta-analisi. Il rischio di suicidio sembra essere notevolmente più alto nei giorni in cui i livelli di PM10 sono stati elevati per un periodo di tre giorni rispetto a periodi meno inquinati.

Gli studi sui cambiamenti a breve termine nel rischio di suicidio hanno spiegato fattori confondenti come i cambiamenti climatici e il giorno della settimana. La relazione non è influenzata da altri fattori di vicinato o socioeconomici dato che i confronti effettuati sono tra gli stessi individui in giorni con livelli di inquinamento diversi.

I ricercatori affermano che l’evidenza è stata particolarmente forte per il legame con il rischio di suicidio, ma l’effetto è stato inferiore rispetto alla depressione (un aumento del rischio di suicidio del 2% per ogni aumento di 10 μg/m3 del livello medio di inquinamento da polveri non sottili nell’arco di tre giorni).

I ricercatori affermano di non poter ancora confermare se l’inquinamento atmosferico causa direttamente problemi di salute mentale, ma affermano che ci sono prove che suggeriscono possibili meccanismi causali.

Sappiamo che le particelle più fini dell’aria sporca possono raggiungere il cervello sia attraverso il flusso sanguigno che il naso e che l’inquinamento dell’aria è stato implicato nell’aumento della neuroinfiammazione, nei danni alle cellule nervose e nei cambiamenti nella produzione di ormoni dello stress, che sono stati collegati a salute mentale“, ha riferito la Braithwaite.

L’autore senior dello studio, il Dott. Joseph Hayes (UCL Psychiatry, Camden e Islington NHS Foundation Trust), ha dichiarato: “I nostri risultati corrispondono ad altri studi emersi quest’anno, con ulteriori prove sui giovani e in altre condizioni di salute mentale. Sebbene non possiamo ancora dire che questa relazione sia causale, l’evidenza è altamente suggestiva del fatto che l’inquinamento dell’aria stesso aumenta il rischio di esiti negativi per la salute mentale“.

Molto di ciò che possiamo fare per ridurre l’inquinamento atmosferico può anche giovare alla nostra salute mentale in altri modi, come consentire alle persone di andare in bicicletta o camminare piuttosto che guidare e migliorare l’accesso ai parchi, quindi questo aggiunge supporto alla promozione di viaggi attivi e spazi verdi urbani“, ha aggiunto.

I ricercatori sperano di seguire il loro studio con ulteriori ricerche sull’inquinamento dell’aria interna e sui rischi per la salute mentale.

 

* I due principali tipi di inquinamento da particolato si differenziano per un diametro inferiore a 2,5 micrometri (particolato fine o PM2,5) e tra 2,5 e 10 micrometri di diametro (particolato grosso o PM10). Alcuni, come il fumo, sono visibili, mentre altri sono troppo piccoli per essere visti ad occhio nudo. Le fonti possono includere il trasporto su strada, la combustione di combustibili come per il riscaldamento o la cottura, l’industria pesante e altro ancora.

 

Finanziamento
Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’UCL, Camden e Islington NHS Foundation Trust e King’s College London, e supportato dal Programma Accademico NHS del North Central Thames, National Institute for Health Research University College London Hospitals Biomedical Research Foundation, Wellcome and the Royal Society.

 

Lo studio

 

Crediti immagine: Freepik