Le persone possono mentire per apparire oneste se gli eventi che si sono rivelati a loro favore sembrano troppo belli per essere veri, secondo una nuova ricerca pubblicata dall’American Psychological Association.

Molte persone tengono molto alla loro reputazione e al modo in cui vengono giudicate dagli altri, e la preoccupazione di apparire onesti può superare il desiderio di essere realmente onesti, anche in situazioni in cui mentire potrebbe costare denaro“, ha detto il ricercatore capo Shoham Choshen -Hillel, PhD, docente senior presso la School of Business Administration e Center for the Study of Rationality presso The Hebrew University of Jerusalem. “I nostri risultati suggeriscono che quando le persone ottengono risultati estremamente favorevoli, anticipano le reazioni sospette di altre persone e preferiscono mentire e apparire onesti piuttosto che dire la verità e apparire come bugiardi egoisti“.

Lo studio sulla “menzogna per apparire onesti” ha trovato risultati simili in una serie di esperimenti condotti con avvocati e studenti universitari in Israele, nonché con partecipanti online negli Stati Uniti e nel Regno Unito. La ricerca è stata pubblicata online sul Journal of Experimental Psychology.

In un esperimento con 115 avvocati in Israele, ai partecipanti è stato detto di immaginare uno scenario in cui avrebbero detto a un cliente che un caso sarebbe costato tra le 60 e le 90 ore fatturabili. In tale scenario immaginario il cliente non può sapere quante ore sono state veramente spese per il caso. A metà dei partecipanti è stato detto che avevano lavorato 60 ore sul caso, mentre l’altra metà ha detto di aver lavorato 90 ore. Quindi è stato chiesto loro quante ore avrebbero addebitato al cliente.

Nel gruppo delle 60 ore, gli avvocati hanno riportato una media di 62,5 ore, in cui il 17% del campione avrebbe mentito per gonfiare le proprie ore.
Nel gruppo delle 90 ore, gli avvocati hanno riportato una media di 88 ore, in cui il 18% del gruppo ha mentito per riportare meno ore di quante effettivamente spese per lavorare.

Alla richiesta di una spiegazione delle ore fatturate, alcuni avvocati del gruppo delle 90 ore hanno dichiarato la propria preoccupazione circa il fatto che il cliente potesse sentirsi ingannato sul numero di ore fatturate.

In un altro esperimento, 149 studenti di un’università israeliana hanno partecipato a giochi online di lancio di dadi e lancio di monete in privato e poi hanno riferito i loro punteggi a un ricercatore. I partecipanti hanno ricevuto circa 15 centesimi per ogni lancio di monete o lancio di dadi riuscito. Il programma per computer è stato manipolato per metà degli studenti, i quali hanno ricevuto dei punteggi perfetti nelle loro partite, mentre l’altro gruppo ha avuto risultati casuali.

Sorprendentemente, nel gruppo con il punteggio perfetto, il 24% ha sottovalutato il numero di vittorie pur sapendo che gli sarebbe costato denaro, rispetto al 4% del gruppo con esiti casuali.

In un altro esperimento online con 201 adulti dagli Stati Uniti, ai partecipanti è stato detto di immaginare uno scenario in cui hanno eseguito molti viaggi di lavoro per un’azienda che prevedeva un compenso mensile massimo di 400 miglia percorse. La maggior parte dei dipendenti ha riportato 280 a 320 miglia al mese.

Alla metà dei partecipanti è stato detto che avevano percorso 300 miglia in un mese, mentre l’altra metà ha detto di aver guidato 400 miglia.

Quando ai partecipanti è stato chiesto quante miglia avrebbero riferito, il gruppo di 300 miglia ha detto la verità e ha riferito una media di 301 miglia.
Di contro, nel gruppo delle 400 miglia i partecipanti hanno riportato una media di 384 miglia, con il 12% di menzogne finalizzate alla sottostima del reale chilometraggio.

Esistono risultati simili in un altro esperimento online con 544 partecipanti nel Regno Unito.

Choshen-Hillel ha affermato di ritenere che i risultati dello studio si applicherebbero nel mondo reale, ma potrebbero esserci situazioni in cui la quantità di denaro, o altri fattori, porterebbero le persone a dire la verità anche se potrebbero apparire disoneste.

Mentre le nostre scoperte possono sembrare ironiche o contro-intuitive, penso che la maggior parte delle persone riconoscerà un momento della loro vita in cui sono state motivate a dire una bugia semplicemente per apparire onesta“, ha detto.

 

Lo studio

 

Abstract dello studio

  • Le persone cercano di evitare di apparire disoneste. Sebbene gli sforzi per evitare di apparire disonesti possano spesso ridurre la menzogna, sosteniamo che, a volte, il desiderio di apparire onesti può effettivamente indurre le persone a mentire. Ipotizziamo che le persone possano mentire per apparire oneste nei casi in cui la verità è molto favorevole a loro, in modo tale che dire la verità potrebbe farli apparire disonesti agli altri. Una serie di studi ha fornito prove concrete per la nostra ipotesi. Avvocati, studenti universitari e partecipanti di MTurk e Prolific hanno affermato che avrebbero sottostimato risultati estremamente favorevoli in scenari del mondo reale (Studi 1a-1d). Lo hanno fatto per evitare di apparire disonesti. Inoltre, in un nuovo paradigma comportamentale che coinvolge un gioco d’azzardo con premi in denaro, i partecipanti che hanno ricevuto in privato un numero molto elevato di vittorie hanno riportato un numero di vittorie inferiore a quello ricevuto; mentivano e sostenevano un costo monetario per evitare di sembrare bugiardi (Studi 2a-2c). Infine, mostriamo che la preoccupazione delle persone che gli altri penserebbero che siano stati riportati in eccesso è valida (Studi 3a-3b). Discutiamo i nostri risultati in relazione alle letterature sulla disonestà e sulla reputazione.

 

 


Crediti immagine: katemangostar