L’uso di cannabis è molto più comune tra le donne in gravidanza con depressione, con una misurata probabilità 3 volte maggiore di usare cannabis rispetto a quelle non depresse, secondo un nuovo studio condotto presso la Columbia University Mailman School of Public Health.

Nonostante la presenza di dati che collegano cannabis e depressione in molti campioni di individui, questo è il primo studio a esaminare la relazione tra donne in gravidanza in un campione rappresentativo a livello nazionale. I risultati sono online sulla rivista scientifica Drug and Alcohol Dependence.

I dati sono stati tratti dal National Survey on Drug Use and Health (NSDUH), un sondaggio annuale di persone di età pari o superiore a 12 anni negli Stati Uniti. Le donne incinte sono state classificate come “attuali consumatrici di cannabis” se hanno risposto di aver usato la marijuana almeno una volta negli ultimi 30 giorni. Lo studio, condotto con i colleghi della City University di New York, ha anche studiato:

  • se la relazione tra depressione e consumo di cannabis differiva per età,
  • caratteristiche socio-demografiche,
  • percezione del rischio associato al consumo di cannabis.

Le nostre scoperte forniscono percezioni mutevoli sui rischi associati al consumo di cannabis e alla sua legalizzazione“, ha affermato Renee Goodwin, PhD, presso il Dipartimento di Epidemiologia della Columbia Mailman School. “Abbiamo scoperto che la prevalenza del consumo di cannabis era molto più elevata tra i soggetti con depressione che non percepivano alcun rischio (24%) rispetto a quelli che percepivano un rischio medio-grande associato all’uso (5,5%)“.

Tra le donne in gravidanza senza depressione, quelle che non percepivano alcun rischio presentavano livelli di utilizzo più elevati (16,5%) rispetto a quelle che percepivano un rischio medio-grande (0,9%), sebbene entrambi questi livelli fossero sostanzialmente inferiori rispetto alle donne con depressione.

La depressione sembra aumentare la vulnerabilità all’uso della cannabis anche tra le donne in gravidanza che percepiscono un rischio sostanziale. “La percezione di un rischio maggiore associato all’uso regolare  sembra essere una barriera al consumo di cannabis, sebbene le donne in gravidanza con depressione che hanno percepito un rischio medio-grande associato al consumo regolare di cannabis avevano più di 6 volte più probabilità di usare cannabis rispetto a quelle senza depressione. Ciò suggerisce che la depressione può portare all’uso anche tra coloro che percepiscono un rischio elevato“, ha osservato Goodwin.

L’uso di cannabis è risultato significativamente più comune tra le donne in gravidanza depresse, rispetto a quelle senza depressione. Più di una donna in gravidanza su dieci (13%) con un episodio depressivo maggiore ha riferito di aver consumato cannabis nei 30 giorni precedenti rispetto al 4% di chi non era depressa ma che ha riferito di usare cannabis. Questo è stato il caso di tutti i sottogruppi socio-demografici.

Circa un’adolescente incinta su quattro con depressione ha usato la cannabis nell’ultimo mese. “Poiché lo sviluppo del cervello è in corso fino all’età di 25 anni, l’uso di cannabis in questo gruppo può aumentare i rischi sia per la madre che per la prole“, ha osservato Goodwin.

I nostri risultati forniscono stime rappresentative recenti a livello nazionale che ci suggeriscono che gli sforzi di istruzione e intervento dovrebbero essere rivolti alle adolescenti in gravidanza“.

Sono necessari studi sui rischi associati all’uso di cannabis durante la gravidanza sia per la madre che per la prole, in particolare tra le donne con depressione prenatale, poiché la cannabis viene rapidamente legalizzata“, ha suggerito Goodwin.

 

Lo studio

 


Crediti immagine: tirachardz