È divenuta una sorta di regola il fatto che non si dovrebbe credere a tutto ciò che si vede sui social media. Quando la vita di qualcuno sembra perfetta, ci viene spesso ricordato, ci sono probabilmente una quantità di problemi che probabilmente si trovano nascosti nel silenzio, lontano dagli occhi. La vita di nessuno è così scintillante, impeccabile o invidiabile come potrebbe apparire nei suoi contenuti attentamente elaborati.

Presentarsi in modo più autentico sui social media – abbandonando le cose che vorremmo credere siano vere di noi stessi a favore di quelle che lo sono – sarebbe un bene per il nostro benessere, secondo un nuovo articolo pubblicato su Nature Communications realizzato da Erica R. Bailey della Columbia University.

Nel primo studio, il team ha esaminato i dati di 10.560 utenti di Facebook che avevano completato sia la valutazione della personalità che la valutazione della soddisfazione della vita attraverso l’applicazione myPersonality (i dati sono stati originariamente raccolti tra il 2007 e il 2012 e messi a disposizione dei ricercatori approvati per lo studio, anche se l’applicazione è stata poi bandita da Facebook per una protezione impropria dei dati). Queste valutazioni sono state poi confrontate con le previsioni di personalità provenienti da Facebook Like e dagli aggiornamenti di stato, per dare una misura di come gli utenti si sono presentati “autenticamente” sulla piattaforma.

C’è stata una correlazione positiva tra soddisfazione della vita e autenticità – ma nessuna indicazione, tuttavia, sulla direzione della causalità. In altre parole, non era chiaro se l’autenticità portasse a un maggiore benessere o viceversa.

Per esaminare ulteriormente la direzione del rapporto di causa-effetto, il team ha chiesto a 90 partecipanti di trascorrere due settimane a postare sui social media in un modo particolare. Per una settimana è stato chiesto loro di postare in modo autentico e per l’altra in un modo auto-idealizzato, cioè postare nel modo in cui vorrebbero essere visti piuttosto che nel modo in cui sono realmente. Alla fine di ogni settimana, i partecipanti hanno registrato il loro benessere soggettivo, la soddisfazione della vita, l’umore e l’effetto positivo e negativo.

Dopo la settimana di pubblicazione autentica, i partecipanti hanno registrato livelli significativamente più alti di benessere, umore ed effetti positivi. C’è stato anche un impatto marginalmente significativo sull’effetto negativo, anche se la soddisfazione generale della vita non è stata influenzata. Questo suggerisce che il distacco autentico potrebbe effettivamente portare a livelli di benessere più elevati rispetto al distacco auto-idealizzato.

Ma il motivo per cui le persone si comportano in questo modo sui social media dovrebbe essere preso in considerazione in ulteriori ricerche. Le persone possono avere motivazioni diverse per l’auto-idealizzazione online, che potrebbero influire su come si sentono nel farlo.

Se non siamo consapevoli di noi stessi e sentiamo che stiamo semplicemente condividendo cose che rispecchiano autenticamente chi siamo, questo ha lo stesso impatto sul benessere di quanto sarebbe allontanandosi attivamente dalla vera visione di noi stessi? Non è nemmeno chiaro se postare in modo autentico sia in realtà meglio che non postare affatto.

Ma per quelli di noi che postano online, potrebbe essere un buon promemoria per resistere alla pressione di presentare una vita perfetta online. Vedere gli amici o gli influencer online come persone normali, piuttosto che irraggiungibilmente idealisti, può essere profondamente rassicurante – c’è una ragione per cui c’è stato un aumento, ad esempio, di “skin-positive influencer“, che condividono immagini di acne e cicatrici.

E questo studio suggerisce che una tale autenticità non va solo a beneficio degli altri – c’è la possibilità che possa far sentire meglio anche te.

 


Lo studio


Crediti immagine: nakaridore