Una nuova ricerca fornisce approfondimenti sui fattori associati alle motivazioni emotive e sessuali per l’infedeltà. I risultati indicano che uno dei predittori più coerenti è l’insoddisfazione derivante dal partner principale, mentre la soddisfazione derivante dal secondo partner sarebbe un predittore meno importante.

Siamo sempre stati interessati alle motivazioni che spingono alcuni verso l’infedeltà“, riferiscono gli autori dello studio Jana Hackathorn, della Murray State University, e Brien K. Ashdown, dell’Hobart & William Smith Colleges. “Tuttavia, fino ad ora non avevamo avuto accesso ad un campione rappresentativo che utilizzasse specificamente un sito web per tale comportamento“.

Dopo aver già pubblicato alcuni lavori sulle motivazioni che si celano dietro ad un partner infedele, i ricercatori hanno colto l’opportunità di poter raccogliere dati da un campione di persone che cercano attivamente un partner extra-diade.

Nello studio condotto, 545 utenti di un sito web particolarmente popolare tra coloro interessati ad avere relazioni extraconiugali, hanno completato un breve sondaggio online anonimo sulle loro motivazioni a impegnarsi nell’infedeltà.

 

Studio sull’infedeltà: cosa è emerso

La maggior parte dei partecipanti, pari all’81%, ha dichiarato di essere di sesso maschile; l’età media è stata di 48,89 anni. Non ha particolarmente sorpreso rilevare che coloro che hanno indicato insoddisfazione derivante dal loro partner principale avevano anche maggiori probabilità di riferire di cercare un secondo partner per potersi nuovamente “innamorare” o di cui si erano innamorati e per tale motivo la relazione stava proseguendo.

Una delle cose che abbiamo trovato maggiormente prevalente nei dati è stata quella che il partner secondario non genererebbe una motivazione così grande a portare al tradimento, come invece si potrebbe essere portati a credere. La più grande motivazione al tradimento è stata l’insoddisfazione della relazione primaria, specialmente per gli uomini“.

Tuttavia, i ricercatori sottolineano anche che la maggiore socio-sessualità (ovvero un maggiore comfort con il sesso occasionale), presente nella moderna società, è stata molto influente sia nei maschi che nelle femmine.

 

Infedeltà, fattori religiosi e senso di insoddisfazione

Rispetto al campione esaminato, i partecipanti che si sono identificati come credenti cristiani in cerca di una relazione occasionale, hanno manifestato in modo più eclatante l’intenzione di “continuare a ritornare” dal loro partner stabile.

Le donne, ma in generale tutti coloro che avevano riportato insoddisfazione relazionale, avrebbero indicato il sentirsi trascurate come principale motivazione dietro al loro tradimento.

Coloro in cerca di sesso più frequente hanno mostrato in prevalenza le seguenti caratteristiche:

  • sesso maschile,
  • orientamento socio-sessuale senza restrizioni (sesso occasionale frequente),
  • maggiore identificazione cristiana,
  • bassa soddisfazione generale del loro partner principale.

Da un punto di vista scientifico i ricercatori sono molto interessati a svelare cosa muova un individuo che, nonostante il desiderio di proseguire la propria relazione principale, si impegna attivamente a cercare relazioni esterne.

Ci aspettiamo di esaminare questo comportamento attraverso la teoria della dissonanza cognitiva e siamo davvero interessati a quali strategie di riduzione di tale dissonanza le persone potrebbero usare, e se riutilizzino queste strategie più e più volte“, hanno concluso Hackathorn e Ashdown.

 

 


Lo studio


Crediti immagine: rawpixel.com