Un nuovo studio su 2.000 persone che hanno lavorato da casa durante la pandemia ha rilevato che il 76% sostiene che il passaggio al lavoro a distanza ha migliorato le relazioni con i colleghi. Circa il 50% dichiara anche che il lavoro a distanza ha migliorato la propria produttività.

I risultati rivelano che le persone sono più produttive, collaborative e fiduciose nei loro incarichi come risultato del passaggio al lavoro a distanza. Hanno anche sviluppato connessioni più forti con i colleghi pur essendo fisicamente lontani.

 

Lavorare da casa significa migliorare la comunicazione

Il passaggio alla modalità di lavoro a distanza come risultato delle chiusure per il COVID ha portato a una migliore collaborazione e comunicazione tra i colleghi, secondo quanto rilevato dall’indagine.

Inizialmente, collaborare online con i colleghi lavorando in remoto è stato considerato come una sfida; il 51% degli intervistati ha riferito di aver avuto inizialmente difficoltà con la nuova modalità. Ma alla fine del 2020, il 76% ha affermato che le relazioni con i colleghi erano migliorate lavorando in remoto.

 

Ragione numero uno? La privacy!

Uno spazio di lavoro privato – senza nessun altro intorno – è stato ritenuto il fattore più importante, con il 42% degli intervistati che hanno concordato che questa fosse la principale ragione. Avere uno spazio di lavoro personale è stato ancora più importante per le persone di età compresa tra i 40 e i 55 anni. È stato considerato un po’ meno importante per i millennial che hanno partecipato al sondaggio.

Allo stesso modo, più uomini (45%) che donne (39%) hanno detto di preferire uno spazio di lavoro isolato. D’altra parte, più donne (44%) preferiscono uno spazio di lavoro ibrido con delle attività intorno, rispetto al 35% degli uomini.

 

Lavorare da casa: continuiamo così!

Gli intervistati hanno anche riferito di sentirsi più sicuri nel loro lavoro dopo aver sviluppato nuove competenze durante il lockdown. Circa il 75% ha detto di aver provato “un nuovo senso di fiducia” nel proprio ruolo all’interno di un team, rispetto all’inizio del 2020.

Circa il 42% ha anche detto di aver imparato nuovi strumenti o competenze software. Ancora una volta, questa cifra è stata più alta tra il gruppo dei 40-55 anni, con l’82% che ha detto di aver migliorato le proprie competenze mentre lavorava da casa nel corso del 2020.

Guardando al futuro, la maggior parte degli intervistati ha detto di desiderare una disposizione di lavoro ibrida nel 2021, con il 52% che ha optato per una doppia disposizione lavoro-casa.

Quasi un terzo (30%) ha invece affermato che preferirebbe continuare a lavorare da casa a tempo pieno nel 2021. Tra i 40-55enni, il 39% ha preferito questa opzione, contro il 28% degli intervistati di 18-39 anni.

Solo il 18% circa degli intervistati ha detto che preferirebbe tornare a una situazione di ufficio a tempo pieno.

 


Lo studio


Crediti immagine: ArthurHidden