La light therapy, o terapia della luce, che consiste nell’esposizione quotidiana ad una luce artificiale intensa, è già un modello di trattamento riconosciuto per le persone affette da disturbo depressivo, sia ciclico che non. Ma si sa molto meno dei potenziali benefici della terapia della luce per le persone con disturbo bipolare, una delle principali cause di disabilità a livello mondiale.

In una meta-analisi recentemente pubblicata sul Canadian Journal of Psychiatry, il dottor Raymond Lam – professore nel dipartimento di psichiatria, direttore del Mood Disorders Center presso il Djavad Mowafaghian Center for Brain Health e ricercatore presso il Vancouver Coastal Health Research Institute – ha dato un’occhiata più da vicino al crescente corpo di ricerca in questo settore.

Lam e i suoi colleghi hanno scoperto che, quando si tratta di ridurre i sintomi della depressione bipolare, la terapia della luce è promettente.

 

Light therapy: che impatto ha la terapia della luce sulle persone con disturbo bipolare?

Abbiamo trovato sette studi pubblicati sulla terapia della luce nelle persone con depressione bipolare in cui era presente anche un placebo. Quando abbiamo combinato statisticamente i risultati degli studi, nel complesso si è riscontrato un significativo miglioramento dei sintomi depressivi trattati con luce intensa rispetto alle condizioni in cui era presente il placebo“, riferisce Lam.

Abbiamo anche notato come la luce intensa fosse ben tollerata dai soggetti, con poche persone che hanno dovuto interrompere il trattamento per effetti collaterali o per altri motivi. È importante sottolineare che la terapia della luce non ha causato un passaggio dalla depressione alla mania, come può accadere con gli antidepressivi nelle persone con disturbo bipolare“.

 

Light therapy: come funziona la terapia della luce?

Al momento i ricercatori non hanno ancora definito con certezza se il meccanismo che rende efficace la light therapy nei trattamenti della depressione ciclica (o stagionale) sia lo stesso che interviene nei casi di depressione bipolare.

Lam riferisce che “quello che sappiamo è che la luce agisce attraverso gli occhi per regolare l’orologio biologico situato in una piccola regione del cervello, nota come nucleo soprachiasmatico. Sappiamo anche che ci sono disturbi nell’orologio biologico che influenzano i ritmi circadiani (quotidiani) nelle persone con disturbo bipolare, inclusi i ritmi ormonali, il sonno, la cognizione ed altri comportamenti. Tuttavia, non sappiamo se la regolazione dei ritmi circadiani sia la ragione per cui la terapia della luce funziona come antidepressivo in questi casi“.

Altri studi hanno dimostrato che la luce può influenzare i principali neurotrasmettitori, o messaggeri chimici, coinvolti nell’umore e nel comportamento, come la serotonina e la dopamina. Quindi, la terapia della luce può funzionare in modo simile agli antidepressivi agendo direttamente su questi neurotrasmettitori.

 

Perché è importante sapere come la terapia della luce agisce nelle persone con disturbo bipolare?

Al momento ci sono meno trattamenti disponibili per la depressione bipolare rispetto ad altri tipi di depressione, quindi è sempre importante trovare nuovi trattamenti efficaci. I farmaci antidepressivi non sono chiaramente efficaci e possono peggiorare il ciclo dell’umore nelle persone con disturbo bipolare. Inoltre, molte persone con disturbo bipolare devono assumere altri farmaci come stabilizzatori dell’umore. Ecco perché è importante determinare se un trattamento non farmacologico, come la terapia della luce, è efficace, perché può essere utilizzato senza doversi preoccupare delle interazioni farmacologiche.

 

Light therapy: quali sviluppi dobbiamo attenderci?

Sebbene abbiamo trovato risultati positivi, abbiamo riscontrato anche dei limiti negli studi precedenti. Ad esempio, è stato stato studiato un numero di persone troppo esiguo, c’erano troppi diversi “dosaggi” e modalità di somministrazione della terapia della luce, i periodi di follow-up erano piuttosto brevi e, inoltre, la maggior parte dei pazienti trattati assumeva comunque dei farmaci per il disturbo bipolare“, puntualizza Lam.

Ecco perché per andare avanti abbiamo bisogno di ulteriori ricerche con campioni più ampi di pazienti, al fine di poter dimostrare in modo conclusivo che la terapia della luce è efficace per la depressione bipolare. Dobbiamo anche determinare le condizioni ottimali per la terapia della luce: quale lunghezza d’onda della luce funziona meglio, quanto deve essere luminosa e per quanto tempo i pazienti dovrebbero utilizzarla“.

Poiché il disturbo bipolare è una condizione cronica, dobbiamo anche esaminare ulteriormente come la luce debba essere utilizzata per il trattamento di mantenimento, al fine di prevenire futuri episodi depressivi“, conclude Lam.

 

Lo studio

 


Crediti immagine: freepik