Quando scegliamo tra il mandare un messaggio o telefonare, dovremmo forse tenere conto di quanto emerso da un recente studio. Sarebbe dimostrato che una telefonata vince a mani basse nel caso in cui l’obiettivo fosse quello di connettersi con qualcuno in modo significativo.

Un nuovo studio dell’Università del Texas a Austin suggerisce che le persone scelgono troppo spesso di inviare e-mail o messaggi di testo quando invece una telefonata produrrebbe con più probabilità i sentimenti di connessione che vorrebbero.

Lo studio è apparso recentemente nel Journal of Experimental Psychology. Ha rilevato che le persone hanno in generale optato per il messaggio di testo perché ritenevano che una telefonata sarebbe stata imbarazzante.

Ma si sbagliavano, secondo il co-autore dello studio Amit Kumar. “Le persone si sentono significativamente più connesse attraverso i media basati sulla voce, ma hanno queste paure sull’imbarazzo che le spingono verso i media basati sul testo”, ha detto.

 

Testo vs chiamata: fai quella telefonata!

In un esperimento, i ricercatori hanno chiesto a 200 persone di prevedere come sarebbe stato riconnettersi con un vecchio amico. Le opzioni erano la comunicazione via testo o via telefono. Hanno poi assegnato a caso i partecipanti che si sarebbero effettivamente ritrovati. I partecipanti sapevano che una telefonata li avrebbe fatti sentire più coinvolti. Tuttavia, hanno comunque affermato di preferire il metodo basato sul testo perché si aspettavano che chiamare sarebbe stato eccessivamente imbarazzante.

Ma la telefonata è andata molto meglio di una e-mail, come ha scoperto lo studio.

Quando si è trattato di esperienza reale, le persone hanno riferito di aver formato un legame significativamente più forte con il loro vecchio amico al telefono rispetto alle e-mail, e non si sono sentiti in imbarazzo“, ha dichiarato Kumar.

 

Il suono della voce costruisce il legame

In un altro esperimento, i ricercatori hanno assegnato a caso degli sconosciuti per connettersi attraverso tre modalità. Queste includevano una chat dal vivo, parlare tramite videochat, o parlare usando solo l’audio.

I partecipanti non si aspettavano che i mezzi di comunicazione utilizzati avrebbero avuto importanza. Ma i ricercatori hanno scoperto che quando le persone hanno effettivamente interagito, si sono sentite significativamente più connesse quando hanno comunicato parlando piuttosto che tramite chat. E, di nuovo, hanno scoperto che chiamare non ha creato l’imbarazzo previsto.

Infatti, la sola voce – anche in assenza di spunti visivi – sembra essere parte integrante del legame, come hanno scoperto i ricercatori.

 

Una telefonata non richiede così tanto tempo, come molti temono

Confrontando un altro mito sui media basati sulla voce, i ricercatori hanno cronometrato i partecipanti nel momento in cui si sono rimessi in contatto con un vecchio amico. Hanno scoperto che la chiamata vocale ha richiesto all’incirca la stessa quantità di tempo necessario a leggere e rispondere ad una e-mail.

I ricercatori hanno affermato che i risultati ottenuti mettono in discussione le convinzioni delle persone riguardo ai messaggi e alle chiamate. E tutto questo giunge in un momento in cui la gestione delle relazioni attraverso la tecnologia è particolarmente rilevante.

In questo momento storico ci viene chiesto di mantenere il distanziamento sociale (fisico), ma è comunque necessario mantenere i legami sociali per il nostro benessere – anche dal punto di vista della salute in generale“, ha detto Kumar.

 

 


Lo studio


Crediti immagine: katemangostar