La prognosi precoce degli adulti anziani ad alto rischio di decadimento cognitivo lieve amnestico (aMCI), mediante dei neuromarcatori non invasivi e sensibili, è fondamentale per la prevenzione precoce della malattia di Alzheimer.

Un recente studio, pubblicato nel Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori dell’Università del Kentucky, stabilisce quello che si ritiene essere un nuovo modo per predire il rischio di demenza molti anni prima di una diagnosi clinica. Il lavoro dimostra che le misure dirette delle tracce cerebrali durante l’attività mentale sono dei predittori più precisi e rilevanti del declino della memoria rispetto agli attuali metodi di test comportamentali standardizzati.

Molti studi hanno misurato i ritmi elettrofisiologici durante il riposo e il sonno per prevedere il rischio di Alzheimer. Questo studio dimostra che le previsioni migliori del rischio cognitivo di una persona possono essere fatte quando il cervello è sollecitato con un compito. Inoltre, abbiamo appreso che tra le migliaia di possibili misure di oscillazione del cervello, le onde cerebrali sinistro-frontali durante i cosiddetti compiti di memoria di lavoro sono dei buoni predittori del rischio di demenza“, ha spiegato il ricercatore principale Yang Jiang, professore associato di scienze comportamentali e membro di facoltà affiliato al Sanders-Brown Center on Aging.

Quando si cerca una specifica auto in un grande parcheggio, le persone anziane commettono un numero maggiore di errori e impiegano più tempo dei giovani a causa dell’invecchiamento cerebrale e cognitivo. Jiang dice che è già stato rilevato che le onde cerebrali associate a quel tipo di compito di memoria quotidiana differiscono nelle persone anziane cognitivamente normali e nei pazienti con perdita di memoria e demenza. Per questo nuovo studio, i ricercatori hanno osservato adulti anziani sani per 10 anni. Hanno riferito che un modello specifico di onde cerebrali frontali durante un compito di memoria quotidiana può prevedere il rischio di deterioramento cognitivo di una persona circa cinque anni prima della diagnosi clinica. Questo modello non è stato riscontrato in persone anziane rimaste cognitivamente normali nei successivi 10 anni.

Jiang afferma che prevedere e prevenire il declino cognitivo è molto importante per consentire interventi preventivi, come ad esempio cambiamenti nello stile di vita, e per i ricercatori al fine di contribuire a raggiungere una maggiore qualità della vita per la popolazione che invecchia rapidamente. “Rispetto ai metodi attuali che utilizzano il neuroimaging come biomarcatori, questo metodo di misurazione può essere facilmente impostato in clinica, non è invasivo, è veloce e conveniente. Inoltre, prevedere in modo affidabile il rischio del declino cognitivo in un individuo è una novità. I nostri partecipanti più anziani saranno presto in grado di avere una versione migliore dei test delle onde cerebrali nel Regno Unito“.

Questo progetto era stato portato a SBCoA dagli scienziati dell’Oak Ridge National Laboratory quasi 15 anni fa con un finanziamento del Dipartimento dell’Energia. Il team di ricerca ha ricevuto finanziamenti dal NIH negli ultimi anni per espandere tale lavoro su larga scala e in diverse popolazioni. Jiang dice che il loro studio longitudinale sottolinea l’importanza di avere un centro di ricerca di successo sull’Alzheimer alla UK.

Linda Van Eldik, direttore del Sanders-Brown Center on Aging, ha detto: “Questo sottolinea ulteriormente la lunga reputazione nazionale e internazionale del Sanders-Brown Center on Aging della UK e l’alta qualità dei nostri ricercatori e della ricerca che fanno“.

 


Lo studio


Crediti immagine: pressfoto