Nonostante il crescente impatto dei social media sulle opinioni personali, una nuova ricerca suggerisce che la percezione che si ha delle preferenze muscolari delle amiche intime influenza maggiormente l’insoddisfazione del corpo negli uomini. I risultati sono stati pubblicati nel Journal of Social and Personal Relationships.

Pur ricevendo maggiore attenzione negli ultimi anni, la ricerca sull’immagine corporea degli uomini è ancora sottosviluppata rispetto a quella sulle donne. Sono ancora molti, infatti, a vedere quello dell’immagine del corpo come un problema quasi esclusivamente femminile. Volevamo esplorare una nuova area dell’immagine del corpo maschile che si concentrasse su gruppi di confronto sociale, mediati e non mediati“, ha dichiarato l’autore dello studio Mark A. Flynn (@MarkAllenFlynn), assistente professore all’Emmanuel College.

C’è una mancanza di ricerca che confronta l’influenza dei pari offline, rispetto alle influenze derivanti dai pari online nei social, sulla soddisfazione del nostro corpo. La domanda che ci ha aiutato a concettualizzare e sviluppare lo studio è stata: quando gli uomini si confrontano con i gruppi sociali come i loro amici reali e le loro connessioni social virtuali, quale tra questi due gruppi risulta più aderente a come gli uomini percepiscono il proprio corpo?”.

Per lo studio, i ricercatori hanno avuto 277 uomini, con età media di 36 anni, ai quali è stato chiesto di completare un sondaggio scientifico sulla soddisfazione del loro corpo e le loro percezioni circa i tipi di corpo ideali.

Agli uomini sono state mostrate sagome maschili con diversi livelli di muscolosità e gli è stato chiesto di indicare quale rappresentasse meglio la propria situazione corporea. Successivamente hanno indicato quali sagome rappresentavano il loro tipo di corpo ideale, hanno poi selezionato ciò che credevano fosse percepito come “l’ideale” tra:

  1. i loro amici maschi,
  2. le loro amiche donne,
  3. gli uomini sui social media,
  4. le donne sui social media.

 

Risultati della ricerca sull’insoddisfazione corporea negli uomini

Le discrepanze tra la muscolosità dichiarata dai partecipanti e la loro muscolosità ideale sono state associate ad una maggiore insoddisfazione del corpo.
Gli ideali percepiti di coetanei maschi e femmine off-line e uomini e donne sui social network hanno avuto un ruolo nella soddisfazione degli uomini per la loro massa muscolare (ma non in merito alla soddisfazione sui propri livelli di grasso corporeo).

È importante comprendere il potere della percezione sulla soddisfazione del corpo degli uomini. Quando gli uomini confrontano il proprio livello di muscolosità con quello che (loro percepiscono) un gruppo di confronto ritengono sia il livello ideale di muscolosità, tende a esserci un divario evidente tra questi due modelli corporei. Questo è noto come una discrepanza ideale e, in linea con le ricerche precedenti, abbiamo scoperto che questo divario era correlato alla bassa soddisfazione del corpo“, ha detto Flynn.

Il nostro studio mostra che il pubblico che gli uomini stanno immaginando influenza in modo significativo le loro percezioni sugli ideali muscolari“. I risultati dimostrano l’esistenza di discrepanze ideali con i quattro gruppi di confronto, elencati poco sopra. “Tutte e quattro queste percezioni di gruppo sono risultate collegate a una bassa soddisfazione corporea“.

È interessante notare che le amicizie femminili strette (quelle non mediate da social) sono risultate essere il gruppo più influente sulla soddisfazione corporea degli uomini. Ciò è particolarmente degno di nota, dato che gran parte della ricerca si era mossa per esplorare l’impatto dei social media sulle preoccupazioni relative all’immagine corporea, e questo risultato mostra che le relazioni reali, non mediate dal web, sono ancora molto importanti e necessitano di ulteriori studi“, ha affermato Flynn.

 

Studio sulla soddisfazione della propria immagine corporea: considerazioni conclusive

Questo è stato un sondaggio trasversale, quindi le connessioni significative tra le variabili erano correlate e non possono dimostrare la causalità. I risultati sono in linea con il lavoro precedente che utilizzava la teoria della discrepanza, ma sono necessari ulteriori lavori per valutare la direzionalità dell’influenza“, ha spiegato Flynn.

Inoltre, questo studio ha aiutato a espandere l’uso della teoria dell’autosufficienza introducendo molteplici tipi di discrepanze. La maggior parte della ricerca ha assunto, ad esempio, una discrepanza realmente ideale tra individui e media. Abbiamo valutato quattro diverse forme di questo costrutto. Sono necessarie ulteriori ricerche che applicano questa prospettiva multidimensionale alla teoria della discrepanza, per saperne di più sui vari tipi di discrepanze ideali e sulla loro relazione con le preoccupazioni sull’immagine corporea“.

 

 


Lo studio


Crediti immagine: Yanalya