Il perseguimento di alcuni obiettivi di vita di base – come la cura dei propri familiari – aiuterebbe a promuovere un senso di scopo nella vita e maggiore senso di sé, secondo quanto rilevato da un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Personality and Social Psychology Bulletin.

La ricerca mostra che lo scopo della vita è positivamente associato a numerose sfaccettature del benessere. Tuttavia, la ricerca mostra anche che la preoccupazione per la costruzione dello scopo della vita è diminuita con ogni nuova generazione successiva ai Baby Boomers“, ha detto l’autore dello studio Matthew Scott, consulente di Psicologia Sociale presso la Arizona State University.

Di conseguenza, i giovani adulti si impegnano meno con le strutture tradizionali che un tempo fornivano uno scopo nella vita, come la religione organizzata. Trovare modi per costruire uno scopo nella vita sembrava uno sforzo utile“.

I ricercatori sono stati particolarmente interessati al perseguimento di obiettivi come:

  • proteggersi dai pericoli,
  • evitare malattie,
  • mantenere relazioni romantiche,
  • essere accettati da altri,
  • raggiungere lo status sociale desiderato,
  • prendersi cura della propria famiglia

Obiettivi che sono estremamente rilevanti per la nostra forma evolutiva individuale. Un senso di scopo nella vita potrebbe essersi evoluto “perché segnala che si stanno soddisfacendo i motivi rilevanti per la salute“, hanno spiegato i ricercatori.

Cinque studi, con 1.993 partecipanti in totale, hanno fornito alcune prove a supporto dell’ipotesi che cercare di raggiungere obiettivi rilevanti dal punto di vista evolutivo sia associato a sentimenti di scopo nella vita.

Le persone che erano d’accordo con affermazioni come “andare d’accordo con le persone intorno a me è una priorità”, “per me è importante che altre persone mi guardino” e “essere vicini ai miei familiari è estremamente importante per me” tendevano a percepire maggiormente di avere un senso nella propria vita, mostrando anche un elevato senso di consapevolezza di sé.

Ciò che emerge da questo studio sembra essere che si possa trovare uno scopo nella vita perseguendo almeno alcuni dei nostri bisogni sociali di base, soprattutto se tra loro interconnessi. In particolare, trovare e mantenere un partner romantico, prendersi cura delle nostre famiglie e ottenere il rispetto degli altri sembra portare un senso di scopo nella vita”, ha sostenuto l’autore.

Ricerche precedenti mostrano che il perseguimento degli obiettivi, non la semplice contemplazione, fornisce uno scopo nella vita. Anche se forse può sembrare contro-intuitivo, l’evidenza suggerisce che è il perseguimento attivo degli obiettivi che porta ad avere scopo nella vita, e non viceversa. Tali azioni non richiedono una visione del mondo particolare o la fedeltà a qualche specifica istituzione morale/religiosa, il che è importante quando si considerano le attuali tendenze della società”.

Ma lo studio – come tutte le ricerche – include alcuni avvertimenti, e l’autore chiarisce che “prima di tutto, i partecipanti hanno immaginato il successo in un particolare ambito sociale fondamentale, quindi non abbiamo effettivamente misurato il perseguimento concreto degli obiettivi. La ricerca futura potrebbe tracciare la relazione delle attività sociali fondamentali e lo scopo delle persone nella vita nel tempo. In secondo luogo, non siamo stati in grado di verificare gli effetti causali di altre attività sociali fondamentali, come l’affiliazione con gli altri. L’effetto di perseguire l’affiliazione sembra una direzione futura particolarmente promettente. In terzo luogo, i nostri campioni non erano abbastanza grandi per studiare le sfumature dello stadio di vita e dello sviluppo. Potrebbe essere che i bisogni sociali fondamentali si relazionino allo scopo in modo diverso a seconda dell’età o dei risultati precedenti“.

Non abbiamo intenzione di minimizzare quelle che sono sino ad oggi sono state le fonti tradizionali di scopo nella vita, come la religione. Inoltre, non stiamo cercando di spiegare i possibili effetti della religione nella vita dei credenti. I risultati attuali semplicemente portano maggiore chiarezza su alcuni percorsi molto ampi e accessibili in cui trovare maggiore scopo nella vita“, ha concluso l’autore della ricerca.

 

 

Lo studio:

 

 

 


Crediti immagine: asier_relampagoestudio