Le donne che svolgono attività sessuale settimanalmente o mensilmente hanno un rischio inferiore di entrare presto in menopausa rispetto a quelle che dichiarano di avere una qualche forma di sesso meno di una volta un mese, secondo un nuovo studio dell’University College London (UCL).

I ricercatori hanno osservato che le donne che hanno riferito di essere impegnate in attività sessuali settimanalmente, avevano il 28% in meno di probabilità di sviluppare la menopausa a una data età rispetto alle donne meno attive sessualmente. L’attività sessuale in oggetto comprende:

  • rapporti sessuali,
  • sesso orale,
  • contatto sessuale,
  • carezze,
  • auto-stimolazione.

La ricerca, pubblicata su Royal Society Open Science, si basa sui dati dello studio “Study of Women’s Health ovulazioneAcross the Nation” (SWAN). È lo studio di coorte longitudinale più ampio, più diversificato e più rappresentativo disponibile per la ricerca di aspetti della transizione della menopausa.

La prima autrice dello studio, la dottoressa Megan Arnot (UCL Anthropology), ha dichiarato che “i risultati dello studio suggeriscono che se una donna non sta facendo sesso e non vi è alcuna possibilità di gravidanza, l’organismo “sceglie” di non investire nell’ovulazione, poiché sarebbe inutile. Potrebbe esserci un compromesso energetico biologico tra l’investimento di energia nell’ovulazione e l’investimento altrove, come il mantenersi attivi occupandosi dei nipoti“.

L’idea che le donne cessino la fertilità per investire più tempo nella loro famiglia è nota come Ipotesi della nonna, che prevede che la menopausa si sia originariamente evoluta per ridurre i conflitti riproduttivi tra le diverse generazioni di femmine e consentire alle donne più mature di aumentare la propria forma fisica e le energie da investire nei nipoti.

Durante l’ovulazione, la funzione immunitaria della donna è compromessa, rendendo il corpo più suscettibile alle malattie. Dato che una gravidanza è improbabile a causa della mancanza di attività sessuale, non sarebbe utile assegnare energia a un processo costoso, soprattutto se esiste la possibilità di investire risorse in parenti esistenti.

La ricerca si basa sui dati raccolti da 2.936 donne, reclutate come coorte di base per lo studio SWAN nel 1996/1997. L’età media alla prima intervista era di 45 anni. Le donne caucasiche non ispaniche erano le più rappresentate nel campione (48%) e la maggior parte delle donne aveva un livello di formazione superiore. In media avevano due figli, erano per lo più in famiglia – sposate o in una relazione – (78%) e vivevano con il loro partner (68%).

Alle donne è stato chiesto di rispondere a diverse domande, tra cui se avessero avuto rapporti sessuali con il proprio partner negli ultimi sei mesi, la frequenza del sesso, incluso se avessero avuto rapporti sessuali, sesso orale, contatti sessuali e/o se si sono impegnati nell’auto-stimolazione (masturbazione) negli ultimi sei mesi. Il modello più frequente di attività sessuale è stato quello settimanale (64%).

Nessuna delle donne era ancora entrata in menopausa, ma il 46% era in peri-menopausa precoce (iniziando a manifestare sintomi della menopausa, come cambiamenti nel ciclo mestruale e vampate di calore) e il 54% era in pre-menopausa (con cicli regolari e senza sintomi di peri-menopausa o menopausa).

Le interviste sono state condotte in un periodo di follow-up di dieci anni, durante il quale 1.324 (45%) delle 2.936 donne hanno avuto una menopausa naturale ad un’età media di 52 anni.

Modellando la relazione tra la frequenza sessuale e l’età della menopausa naturale, le donne di qualsiasi età che hanno fatto sesso settimanalmente hanno avuto un rapporto di rischio di menopausa precoce dello 0,72, mentre le donne di qualsiasi età che hanno fatto sesso mensilmente avevano un rapporto di rischio di 0,81.

Ciò ha fornito una probabilità per cui le donne di qualsiasi età che hanno fatto sesso settimanalmente avevano il 28% in meno di probabilità di sperimentare la menopausa precoce rispetto a quelle che avevano fatto sesso meno di una volta al mese. Allo stesso modo, coloro che hanno avuto rapporti sessuali mensili avevano il 19% in meno di probabilità di soffrire di menopausa a qualsiasi data età rispetto a quelli che avevano fatto sesso meno di una volta al mese.

I ricercatori hanno controllato caratteristiche quali:

  • livello di estrogeni,
  • grado di istruzione,
  • indice di massa corporea (BMI),
  • razza,
  • abitudini con il fumo,
  • età al menarca,
  • età al primo colloquio,
  • stato di salute generale.

Lo studio ha anche verificato se la convivenza con un partner maschile abbia influenzato la menopausa, per verificare se l’esposizione ai feromoni maschili potesse ritardare la menopausa. I ricercatori al riguardo non hanno trovato alcuna correlazione, indipendentemente dal fatto che il maschio fosse presente in casa o meno.

L’ultimo autore, il professor Ruth Mace (UCL Anthropology), ha aggiunto: “La menopausa è, ovviamente, un’inevitabilità per le donne, e non esiste alcun intervento comportamentale che impedisca la cessazione della riproduzione. Tuttavia, questi risultati sono un’indicazione iniziale che i tempi della menopausa possono essere adattivi in ​​risposta alla probabilità di rimanere incinta“.

 

 

Lo studio

 


Crediti immagine: freepik