Secondo quanto emerso da una ricerca condotta dall’Istituto di Ricerca sulle Dipendenze dell’Università di Buffalo (USA), il numero di soggetti adulti con problemi legati al gioco, in particolare al gioco d’azzardo, è maggiore di quanti abbiano problemi di alcolismo.

Nei soggetti oltre i 21 anni di età, il gioco d’azzardo problematico (ludopatia) è considerevolmente più comune tra gli adulti statunitensi rispetto alla dipendenza da alcol, anche se quest’ultima dipendenza ha ricevuto storicamente molta più attenzione clinica.

John W. Welte, principale autore dello studio pubblicato sulla rivista scientifica “Journal of Gambling Studies” e esperto in patologie dell’alcool e del gioco d’azzardo, ha concluso che esiste una netta incoerenza tra la sua ricerca e gran parte della letteratura di ricerca. Altre ricerche supportano l’idea che il problema del gioco d’azzardo sia più comune tra gli adolescenti che tra gli adulti. Il problema del gioco d’azzardo è stato spesso descritto come raro. Persino il Consiglio nazionale sul problema del gioco d’azzardo lo descrive come “raro ma curabile”.

Welte e colleghi hanno condotto, e successivamente combinato, i risultati di due sondaggi nazionali sul gioco d’azzardo e sull’alcol – il primo su dei giovani di età compresa tra 14 e 21 anni e il secondo degli adulti di età superiore ai 18 anni – per identificare i modelli di gioco d’azzardo e consumo di alcol negli Stati Uniti per tutta la durata della vita. Hanno scoperto che il gioco d’azzardo abituale ma sporadico, il gioco d’azzardo frequente e il gioco d’azzardo problematico aumentano di frequenza durante l’adolescenza, raggiungono il livello più alto tra i 20 e i 30 anni e poi diminuisce sensibilmente solo tra gli over 70.

Nessuna analisi comparabile è stata fatta in precedenza e quindi nessuna è disponibile per un confronto diretto di questi risultati“, afferma Welte. “Ma, dato ciò che abbiamo scoperto sulla persistenza del gioco frequente e problematico durante l’età adulta, saranno garantiti maggiori sforzi di prevenzione e intervento“.

Altri risultati dettagliati nell’articolo dimostrano che il gioco d’azzardo frequente è due volte maggiore tra gli uomini (28%) che tra le donne (13%). Gli uomini raggiungono i loro tassi più alti sia di gioco d’azzardo che di gioco frequente nella tarda adolescenza, mentre le femmine impiegano più tempo per raggiungere i loro tassi più alti.

È anche degno di nota il fatto che il gioco d’azzardo frequente e problematico diventa più comune man mano che lo stato socioeconomico diminuisce; il coinvolgimento nel gioco d’azzardo tende a diminuire con l’aumento di tale status.

Welte aveva ipotizzato già nel 2004 che gli stati socioeconomici più bassi potevano incentivare il gioco d’azzardo come metodo di riscatto sociale, piuttosto che considerarlo nella sua connotazione strettamente ricreativa.

Il primo sondaggio di Welte sul gioco d’azzardo per adulti è stato condotto nel 1999-2000 con 2.631 adulti di 4.036 famiglie in tutta la nazione. Il secondo sondaggio sul gioco d’azzardo tra i giovani nel 2005-2007 includeva 2.274 giovani – con il permesso dei genitori – di 4.467 famiglie. Entrambe le indagini sono state condotte con residenti provenienti da tutti i 50 stati e dal Distretto di Columbia.

Le domande poste a coloro che hanno accettato di partecipare variavano dalla frequenza del bere, dalla quantità e dal tipo di bevanda alcolica alla frequenza del gioco d’azzardo dell’anno passato e al tipo di gioco d’azzardo, come lotterie, carte, casinò, scommesse sportive, gare di cavalli o cani, slot machine e giochi di abilità.

Lo scopo ricreativo, pertanto, rappresenterebbe nella ludopatia il pretesto per nascondere un comportamento altamente disfunzionale, di cui tenere conto in fase psicoterapeutica.

 

 


Crediti immagine: freepik