Alcuni individui con disturbo d’ansia generalizzato tenderebbero a preoccuparsi di rilassarsi, secondo una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Affective Disorders. Lo studio fa luce su un fenomeno noto come ansia indotta dal rilassamento, che finora ha ricevuto poca indagine empirica.

Mi sono interessata a questo argomento dal momento che ho potuto vedere in alcuni dei miei casi clinici che i pazienti si sentono ancora più ansiosi mentre stanno cercando di rilassarsi“, ha spiegato l’autrice dello studio Hanjoo Kim, della Facoltà di Psicologia Clinica presso la Pennsylvania State University.

L’allenamento al rilassamento (chiamato anche rilassamento applicato) è una delle tecniche di terapia cognitivo-comportamentale più utilizzate, progettata per aiutare le persone con disturbi d’ansia. L’aumento paradossale di ansia durante tale allenamento di rilassamento si chiama ansia indotta da rilassamento (RIA, relaxation induced anxiety) e questo fenomeno è stato suggerito dai ricercatori sull’ansia negli anni ’80, ma non è stato testato per quasi 30 anni.

“Le persone con disturbo d’ansia generalizzato tendevano ad essere più sensibili ai cambiamenti nelle emozioni”

Come clinico e ricercatore, volevo trovare un modo per aiutare i pazienti che soffrono di RIA. Mentre cercavo le ragioni di questo fenomeno, io e la mia consulente, la dott.ssa Michelle Newman, abbiamo pensato che potrebbe essere a causa del tentativo di evitare un grande cambiamento nell’ansia. All’epoca, un mio consulente ha suggerito una nuova teoria chiamata Contrast Avoidance Model (CAM) e abbiamo trovato questa teoria molto rilevante per il fenomeno RIA”, ha detto la ricercatrice.

La CAM spiega che alcune persone hanno un’avversione contro un improvviso salto nell’ansia (passando rapidamente da uno stato rilassato a uno di paura, per esempio) e usano la preoccupazione come un modo per prevenire questo grande salto nell’ansia se succede qualcosa di brutto. Allo stesso modo, la teoria spiega anche che impegnarsi con il rilassamento aumenta la probabilità di sperimentare un maggiore salto nell’ansia. Abbiamo pensato che la seconda linea della teoria si adatta perfettamente al fenomeno RIA. Abbiamo quindi ipotizzato che il motivo per cui alcune persone ansiose evitano la RIA sia dovuto alla loro tendenza a evitare il contrasto emotivo negativo“, ha detto la Kim.

Nello studio, 32 persone con disturbo d’ansia generalizzato, 34 persone con disturbo depressivo maggiore e 30 soggetti di controllo (senza disturbi) hanno completato esercizi di rilassamento prima di essere sottoposti alla visione di video suscitanti paura o tristezza.

I partecipanti hanno quindi riferito in che misura il compito di rilassamento ha impedito loro di affrontare i cambiamenti nel loro stato emotivo indotti dal video.

Successivamente, i ricercatori hanno guidato i partecipanti attraverso una seconda sessione di rilassamento ed hanno infine sottoposto un sondaggio che ha valutato l’ansia indotta dal rilassamento.

I ricercatori hanno scoperto che l’ansia indotta dal rilassamento nelle persone ansiose era legata alla loro tendenza a evitare il contrasto emotivo negativo. Le persone con disturbo d’ansia generalizzato tendevano ad essere più sensibili ai cambiamenti nelle emozioni e questa sensibilità era legata al sentirsi ansiosi durante le sessioni intese a indurre il rilassamento.

Le persone possono pensare che la preoccupazione le aiuti ad affrontare l’ansia, ma non il rilassamento. Tuttavia, com’è noto e ovvio, in realtà è più sano lasciarsi rilassare e permettersi di sperimentare cambiamenti emotivi, anche se negativi. La maggior parte dei pensieri preoccupanti non accadrà in futuro e quando alcune situazioni si verificano effettivamente, sono comunque migliori degli scenari previsti“, ha riferito la ricercatrice.

Pertanto, impegnarsi con preoccupazione non è il miglior uso del tempo. Sebbene all’inizio possa essere difficile interagire con il rilassamento, più ci si allena, più sarà più facile da fare. Praticare il rilassamento ed esporsi a improvvisi picchi emotivi negativi aiuterà a ridurre la sensibilità a un grande salto nell’ansia e questo alla fine aiuterà il soggetto a superare l’ansia indotta dal rilassamento“, ha spiegato Kim.

I ricercatori sperano che i risultati aiuteranno i medici a fornire una migliore assistenza alle persone con ansia.

Anche se abbiamo trovato prove a sostegno del legame tra la prevenzione del contrasto e la RIA in questo studio, sarebbe importante sviluppare e validare un metodo di trattamento manuale in modo che il medico possa integrarlo facilmente nella sua pratica. Inoltre, sarebbe importante esaminare la RIA in altri disturbi, come il disturbo di panico e la depressione lieve persistente“, ha concluso l’autrice dello studio.

 

Lo studio

 

 


Crediti immagine: katemangostar