Una nuova ricerca suggerisce che il rischio di morte per suicidio nelle persone transgender non è aumentato nei Paesi Bassi. Lo stesso studio indica anche che gli individui transgender sono a grande rischio di suicidio in ognuna delle fasi della transizione, per motivi quasi sempre legati alla disforia di genere.

Se stai avendo pensieri suicidi, chiama il numero verde 800 86 00 22

Lo studio, che appare sulla rivista scientifica Acta Psychiatrica Scandinavica, si è basato sui dati raccolti da persone viste al Center of Expertise on Gender Dysphoria di Amsterdam.

Ci sono stati diversi motivi per cui eravamo interessati a valutare il rischio di morte per suicidio nel gruppo di persone transgender inviate alla nostra clinica nel corso degli anni“, ha dichiarato l’autore dello studio Thomas D. Steensma, ricercatore presso il VU University Medical Center di Amsterdam.

 

Transgender, disforia di genere e rischio di suicidio

Sappiamo dalla letteratura che gli individui transgender sono vulnerabili per quanto riguarda sentimenti, pensieri e comportamenti legati al suicidio. Con l’aumento dell’attenzione verso le persone transgender assistiamo anche a una maggiore accettazione da parte della società e desideravamo pertanto vedere se il rischio di morte per suicidio fosse diminuito“.

Steensma continua: “abbiamo anche osservato un forte aumento nel numero dei rinvii alla nostra clinica nell’ultimo decennio e, allo stesso tempo, abbiamo registrato un aumento del numero assoluto di suicidi. Volevamo sapere se si trattava di un aumento relativo, correggendo il numero di morti per suicidio per il numero di rinvii. In questo senso è stato uno studio di valutazione/sicurezza per la nostra clinica“.

 

Caratteristiche dello studio sul rischio di suicidio nella popolazione transgender

Lo studio ha incluso le informazioni di 8.263 adulti, adolescenti e bambini che erano stati inviati alla clinica tra il 1972 e il 2017. Quarantanove di loro sono morti per suicidio.

I ricercatori hanno scoperto che il numero medio di suicidi negli anni 2013-2017 era stato di tre o quattro volte più elevato nel campione transgender rispetto alla popolazione olandese generale. Nel complesso, le donne trans hanno avuto un rischio di morte per suicidio più elevato rispetto agli uomini trans. Inoltre i ricercatori hanno scoperto che il rischio di morte per suicidio nelle donne trans era diminuito nel tempo rispetto ai periodi precedenti.

Non vediamo alcun aumento del rischio di morte per suicidio nel tempo nei Paesi Bassi e persino una diminuzione delle donne trans“, ha detto Steensma.

Due terzi dei suicidi osservati si sono verificati in persone transgender che si trovavano nella fase diagnostica, ormonale o chirurgica del trattamento. “Ciò indica che la vulnerabilità al suicidio si verifica in modo simile nelle diverse fasi della transizione“, hanno detto i ricercatori.

 

Scenari futuri sulla ricerca del rischio di suicidio nelle persone transgender

Il prossimo passo di questa ricerca sarà quello di concentrarsi sui programmi di prevenzione del suicidio. Dobbiamo ottenere maggiori informazioni su quali siano i fattori che influenzano il rischio di morte per suicidio nella popolazione transgender e se questi fattori siano specifici per la popolazione transgender e/o nelle diverse fasi della loro transizione. Con queste conoscenze saremo in grado di sviluppare programmi specifici e più efficaci di prevenzione dei suicidi per questa specifica popolazione“, ha affermato Steensma.

Sebbene sia un argomento difficile e delicato, è di grande importanza studiare il rischio di morte per suicidio nei soggetti transgender.

I risultati di questi studi non dovrebbero assolutamente essere usati come argomento contro l’offerta di trattamenti medici in questa popolazione – i risultati dovrebbero essere usati per acquisire maggiori conoscenze per consigliare efficacemente questo gruppo di persone nella loro transizione e migliorare la loro qualità di vita“, ha concluso Steensma.

 


Lo studio


Crediti immagine: rawpixel