Una nuova ricerca indica che diversi fattori, tra cui l’instabilità delle relazioni durante l’infanzia, influenzano il modo in cui le persone rispondono emotivamente alle esperienze sessuali occasionali/casuali. I risultati sono stati pubblicati su Evolutionary Psychological Science.

C’è stato un grande interesse nello studio del comportamento sessuale dei giovani adulti (in particolare gli studenti universitari) e in che modo quel comportamento sessuale possa, o meno, cambiare. Molte ricerche su questo argomento si sono concentrate sullo studio delle differenze sessuali tra maschi e femmine quando si tratta di impegnarsi in esperienze sessuali casuali, inclusi alcuni dei nostri precedenti lavori di ricerca“, ha spiegato l’autrice dello studio Jessica A. Hehman, professore associato di Psicologia alla University of Redlands.

Per gli autori del presente studio, tuttavia, sembra che ci siano due vuoti in letteratura scientifica, in termini di:

  • studiare le differenze individuali che possono spiegare la grande variabilità all’interno del rapporto con il sesso, che è stata trovata in studi precedenti;
  • limitarsi (principalmente) al comportamento sessuale occasionale negli studenti universitari.

Pertanto, nella ricerca eseguita, i ricercatori hanno cercato di affrontare quei vuoti nella letteratura già disponibile, indagando su due domande:

  1. Quali altri fattori (cioè, oltre a essere maschi o femmine) influenzano il numero di partner sessuali casuali che si hanno così come le loro reazioni al sesso occasionale incontri?
  2. Le precedenti scoperte sulle differenze sessuali nell’impegnarsi (e reagire) al sesso occasionale si estendono agli adulti al di fuori di un campus universitario e per tutta la durata della vita, o sono specifiche per i giovani studenti universitari? ”

I ricercatori hanno intervistato 165 studenti universitari (età media 19) e 123 non studenti (età media 33) su quanto riguardasse:

  • la storia della loro prima infanzia,
  • il proprio comportamento sessuale,
  • le reazioni emotive al sesso occasionale,
  • altri fattori.

Non ha sorpreso il fatto che avere obiettivi di relazione a lungo termine fosse associato a reazioni emotive negative al sesso occasionale. “Indipendentemente dalla fase della vita attraversata, impegnarsi nel sesso occasionale, nella speranza che la relazione diventi a lungo termine, porta a risposte più negative dell’esperienza sia negli uomini che nelle donne“, ha spiegato Hehman.

In linea con gli studi precedenti, i ricercatori hanno anche scoperto che le donne di entrambi i campioni hanno riferito di sentirsi più vulnerabili e di avere più preoccupazione per i sentimenti dei loro partner nei confronti del sesso occasionale, rispetto a quanto emerso negli uomini.

Ci sono differenze sessuali nel comportamento sessuale occasionale – gli uomini tendono ad avere più partner sessuali casuali rispetto alle donne, e le donne tendono a reagire più negativamente alle esperienze sessuali casuali rispetto agli uomini – ma ci sono anche molte differenze sul come singoli uomini e singole donne reagiscono a queste esperienze sessuali occasionali/casuali“, ha detto Hehman.

Le differenze individuali, che spiegano alcune cose all’interno della variabilità sessuale, includono la fase della vita attraversata dai soggetti così come la loro motivazione a ricercare del sesso occasionale“.

Per il nostro campione di studenti universitari inclusivo di giovani adulti, i primi segnali ambientali di instabilità relazionale (ad esempio, crescere in una casa con un padre assente) spiegherebbe la maggior parte della varianza nelle risposte positive e negative al sesso occasionale; considerando inoltre che la motivazione a impegnarsi nel sesso occasionale nella speranza che questo si potesse trasformare in una relazione a lungo termine, non essendo in linea con il comportamento messo realmente in atto, si andrebbe a spiegare la maggior parte della varianza nelle risposte emotive negative ottenute come conseguenza del sesso occasionale“, ha detto Hehman.

Pertanto, oltre alle prove che suggeriscono che la differenza sessuale osservata nel comportamento sessuale occasionale possa essere specifica dello stadio del ciclo vitale dell’individuo, ci sono anche prove che i fattori che influenzano le reazioni emotive a quel comportamento sono anche specifici dello stadio della vita stesso, a prescindere quindi dal genere“.

Come per tutte le ricerche, lo studio presenta alcuni avvertimenti. “Abbiamo chiesto ai partecipanti di riflettere sulle loro esperienze di sesso occasionale e di riferire il grado in cui si sono in seguito impegnati nella speranza di trasformare la relazione in una a lungo termine. L’incognita è che, a posteriori, i partecipanti potrebbero non aver segnalato accuratamente le loro intenzioni durante l’esperienza sessuale occasionale. Cioè, mentre rimuginano sulle loro esperienze sessuali casuali passate, le persone possono essersi protette dalle conseguenze psicologiche negative dei loro tentativi infruttuosi di usare il sesso occasionale per ottenere un compagno a lungo termine usando l’autoinganno“, ha spiegato Hehman.

Allo stesso modo, abbiamo utilizzato l’assenza del padre durante l’età dello sviluppo come potenziale segnale per la stabilità delle relazioni, ma ci sono molti altri fattori nel primo ambiente di crescita che possono contribuire alla valutazione di cosa aspettarsi nelle relazioni future. La futura ricerca dovrebbe indagare su altri possibili segnali ambientali, come la qualità delle relazioni familiari, la salute mentale dei genitori, l’abuso di sostanze e i livelli di conflitto all’interno della famiglia“.

Inoltre, al fine di indagare veramente se il comportamento sessuale occasionale e le reazioni a quel comportamento siano specifici dello stadio di vita, sono necessari studi longitudinali che seguano gli stessi individui nel tempo, per vedere come il loro comportamento e le reazioni cambiano con l’età“, ha infine concluso la Hehman.

Lo studio


Crediti immagine: prostooleh