La prima rassegna al mondo focalizzata sull’importanza degli ambienti naturali potrebbe trasformare gli spazi di gioco dei bambini, supportando gli investimenti nei parchi urbani, offrendo al contempo importanti opportunità per il loro sviluppo fisico, sociale ed emotivo.

Condotta dall’Università del Sud Australia, la revisione sistematica ha esplorato gli impatti del gioco goduto nella natura sulla salute e sullo sviluppo dei bambini di età compresa tra 2 e i 12 anni, scoprendo che tale attività naturale ha migliorato le complesse capacità di pensiero, le abilità sociali e la creatività dei bambini.

Guidato da Kylie Dankiw e dalla professoressa associata Katherine Baldock, questo studio è il primo a fornire prove a sostegno dello sviluppo di spazi di gioco innovativi, ma naturali, nei centri di assistenza all’infanzia e nelle scuole.

Negli ultimi anni, l’attività di gioco nella natura è diventata più popolare tra le scuole e i centri di assistenza all’infanzia, rielaborando gli spazi di gioco per incorporare elementi naturali, come alberi, piante e rocce“, afferma Dankiw.

La nostra ricerca è la prima a rivedere in modo rigoroso, trasparente e sistematico il corpus di lavori sul gioco eseguito nella natura, mostrando l’impatto che ha sullo sviluppo dei bambini. Siamo lieti di affermare che i risultati indicano una connessione positiva tra il gioco eseguito in ambienti naturali e lo sviluppo sano dei bambini“.

Per gli educatori della prima infanzia, i professionisti della salute, i responsabili delle politiche sociali e i progettisti di spazi di gioco, si tratta di informazioni preziose che possono influenzare gli ambienti di gioco urbani e lo sviluppo del verde pubblico“.

Composto da una revisione sistematica di 2927 articoli scientifici soggetti a revisione paritaria, la ricerca ha consolidato 16 studi che hanno coinvolto giochi non strutturati e liberi in ambienti naturali (foreste, spazi verdi, spazi all’aperto, giardini) che includevano elementi naturali (altamente vegetati, rocce, fango, sabbia, giardini, foreste, stagni e acqua), per determinare l’impatto del gioco in natura sulla salute e lo sviluppo dei bambini.

L’analisi ha evidenziato che la natura migliora i livelli di attività fisica dei bambini, la forma fisica correlata, le capacità motorie e lo sviluppo sociale ed emotivo. Ha anche dimostrato che giocare nella natura può fornire miglioramenti nei risultati cognitivi e di apprendimento, compresi i livelli di attenzione e concentrazione, la puntualità, il gioco costruttivo, il gioco sociale, nonché il gioco immaginativo e funzionale.

Questa attività consiste nel giocare liberamente con e nella natura. Si tratta di fare torte di fango, creare fortini, fare un’avventura all’aperto e… sporcarsi!“, dice Dankiw.

Queste sono tutte cose che i bambini amano fare, ma sfortunatamente, poiché la società è diventata più sedentaria, avversa al rischio e povera in termini di tempo, un minor numero di bambini ha queste opportunità. Giocando in natura, i bambini possono costruire le loro capacità fisiche – il loro equilibrio, la loro forma fisica e la forza. E, giocando con gli altri, apprendono preziose capacità di negoziazione, concetti di condivisione e amicizie, che possono contribuire a una sana resilienza emotiva e sociale“.

 

 

Lo studio

 


Crediti immagine: prostooleh