Una nuova ricerca dell’Università di Stanford ha scoperto che lo stress può ostacolare la nostra capacità di pianificare, impedendoci di essere in grado di prendere decisioni basate sulla memoria.

Attingiamo alla memoria non solo per proiettarci all’indietro nel passato, ma anche per proiettarci in avanti, per pianificare“, ha detto lo psicologo di Stanford Anthony Wagner, che è l’autore senior dell’articolo che descrive in dettaglio questo lavoro, pubblicato su Current Biology. “Lo stress può privarti della capacità di attingere ai sistemi cognitivi alla base della memoria e del comportamento diretto agli obiettivi, che ti consentono di risolvere i problemi in modo più rapido ed efficace“.

Insieme ai precedenti lavori del Memory Lab di Wagner e collaboratori, queste scoperte potrebbero avere ampie implicazioni per comprendere come le diverse persone pianificano il futuro e come la mancanza di stress possa offrire ad alcuni una maggiore opportunità neurologica di pensare il futuro.

È una forma di privilegio neurocognitivo che le persone non stressate possano attingere ai loro sistemi di memoria per comportarsi in modo più ottimale“, ha affermato Wagner, professore di Scienze sociali presso la School of Humanities and Sciences di Stanford. “Alcuni individui potrebbero non comportarsi in modo efficace o efficiente perché hanno a che fare con un fattore di stress, che riduce tale privilegio“.

I ricercatori hanno condotto esperimenti in cui hanno monitorato il comportamento dei partecipanti e la loro attività cerebrale – tramite fMRI – mentre esploravano delle città virtuali. Dopo che i partecipanti hanno acquisito familiarità con i vari percorsi di una dozzina di tali città virtuali, sono stati collocati in uno dei percorsi da loro memorizzati e gli è stato chiesto di raggiungere una determinata posizione obiettivo.

Per testare gli effetti dello stress, i ricercatori hanno informato alcuni dei partecipanti che avrebbero potuto ricevere una leggera scossa elettrica, non correlata alle loro prestazioni, durante le loro passeggiate virtuali. I partecipanti che non dovevano preoccuparsi di essere casualmente scioccati tendevano a immaginare e prendere nuove scorciatoie basate sui ricordi acquisiti dai precedenti viaggi esplorativi, mentre i partecipanti stressati tendevano a ripiegare su percorsi abituali e maggiormente tortuosi.

Prima di iniziare il loro viaggio, i partecipanti sono stati tenuti fermi nella posizione di partenza. Le scansioni cerebrali di questo periodo hanno mostrato che gli individui stressati avevano meno probabilità, rispetto alle loro controparti non stressate, di attivare l’ippocampo, la struttura cerebrale che si sarebbe attivata se avessero rivisto mentalmente le precedenti esplorazioni. I soggetti stressati avevano anche meno attività nelle reti del lobo frontale parietale, area del cervello che consente di allineare i processi neurali agli obiettivi. Precedenti lavori dei ricercatori avevano scoperto che lo stress ostacola questo meccanismo neuronale, rendendo più difficile per noi recuperare e usare i ricordi.

I ricercatori ritengono che il loro nuovo studio sia il primo a mostrare come un’interruzione della rete del lobo ippocampale-frontale porti, a causa dello stress, ad un blocco della memoria durante una sessione di pianificazione.

È un po ‘come se il nostro cervello fosse spinto in uno stato di pensiero procedurale di livello più basso, e ciò corrisponderebbe a questo comportamento di ridotta pianificazione“, ha detto Thackery Brown, autore principale dell’articolo scientifico in oggetto.

 

Stress e vecchiaia

Guardando al futuro, i ricercatori sono particolarmente interessati a come il rapporto tra stress e memoria influenzi le persone più anziane, che spesso sperimentano stress per problemi di salute ed economici. Le persone anziane hanno anche maggiori probabilità di essere preoccupate per la perdita della memoria. Insieme, questi fattori di stress combinati potrebbero contribuire a una ridotta capacità di ricordare, che potrebbe ulteriormente esacerbare il loro stress e compromettere anche le loro capacità di coping.

Brown ha iniziato a condurre studi simili agli esperimenti di esplorazione virtuale con partecipanti di età compresa tra 65 e 80 anni per cercare di capire meglio come si svolgono le associazioni tra stress, memoria e pianificazione in questi soggetti più anziani.

 

 


Lo studio


Crediti immagine: creativeart