Un vasto studio internazionale, pubblicato sulla rivista scientifica Body Image, indica con chiarezza che la maggioranza delle donne non sarebbe soddisfatta delle dimensioni del proprio seno. Ciò che per i professionisti della salute mentale è particolarmente rilevante di questa ricerca, che è la più grande mai realizzata fino ad oggi su questa tematica, sarebbe il fatto che i risultati ottenuti indicano che essere insoddisfatte di questo aspetto del corpo è associato a esiti psicologici dannosi.

Uno dei miei interessi di ricerca è il modo in cui le persone, in diversi contesti culturali e nazionali, sperimentano, pensano o sentono il proprio corpo“, ha affermato la ricercatrice principale Viren Swami, professoressa di Psicologia Sociale dell’Università Anglia Ruskin e dell’Università Perdana.

In precedenza, io e i miei colleghi avevamo condotto alcune ricerche transnazionali sull’insoddisfazione del corpo, e c’erano solo una manciata di studi che esaminavano in modo specifico l’insoddisfazione delle dimensioni del seno, ma nulla sull’insoddisfazione delle dimensioni del seno rilevata in diverse nazioni. Quindi, questa ci è sembrata una buona opportunità per riunire alcune delle migliori menti che lavorano sul tema dell’immagine corporea, per lavorare insieme e colmare una lacuna nella ricerca“.

Nello studio, a 18.541 donne di 40 nazioni diverse sono state mostrate immagini generate al computer di 14 figure femminili le cui dimensioni del seno erano progressivamente in aumento. Alle donne è stato chiesto di indicare quale immagine corrispondeva più da vicino alla propria taglia del seno e successivamente avrebbero dovuto indicare a quale immagine avrebbero più voluto assomigliare.

Le partecipanti hanno anche completato delle valutazioni di insoddisfazione su:

  • peso corporeo,
  • personalità,
  • esposizione dei media,
  • e altri fattori.

Complessivamente, i risultati sono stati i seguenti:

  • il 47,5% delle partecipanti desiderava un seno più grande del proprio;
  • il 23,2% voleva un seno più piccolo;
  • il 29,3% era soddisfatta delle dimensioni del seno.

Le donne più giovani, meno sicure dal punto di vista finanziario, meno coscienziose e più nevrotiche (da un punto di vista clinico) tendevano ad avere livelli più elevati di insoddisfazione delle dimensioni del seno.

Le donne insoddisfatte delle dimensioni del seno avevano maggiori probabilità di sperimentare uno scarso benessere psicologico e una scarsa consapevolezza del proprio corpo“. Questi rilievi sono risultati omogenei in tutte le nazioni esaminate. “Adottare misure per sviluppare una migliore soddisfazione del proprio corpo, e nello specifico del proprio seno – forse concentrandosi sulla funzionalità piuttosto che sull’estetica – è decisamente importante“, ha sostenuto la Swami.

In particolare, l’insoddisfazione delle dimensioni del seno era associata a una maggiore insoddisfazione per:

  • l’aspetto corporeo complessivo,
  • il proprio peso,
  • la felicità percepita,
  • l’autostima.

Inoltre queste donne hanno anche evidenziato una scarsa attenzione agli aspetti funzionali del proprio seno, spesso a causa della vergogna. Infatti la Swami, al riguardo, sottolinea che “il carcinoma mammario è la principale causa di decessi correlati al cancro femminile in tutto il mondo e i bassi tassi di sopravvivenza sono associati a una scarsa consapevolezza del proprio seno. L’insoddisfazione delle dimensioni del seno può comportare comportamenti di evitamento che riducono tale consapevolezza, in particolare se il seno di una donna provoca sentimenti di ansia, vergogna o imbarazzo“.

Il nostro studio ha trovato un legame diretto tra una maggiore insoddisfazione delle dimensioni del seno e una scarsa consapevolezza del seno, vista attraverso una frequenza inferiore di autoesame del seno e una minore fiducia nel rilevare i cambiamenti nel seno, e questo richiede un intervento urgente, in termini di salute pubblica“.

Le donne provenienti da India, Pakistan, Egitto, Libano e Regno Unito desideravano in media un seno più grande, mentre le donne provenienti da Giappone, Filippine, Germania, Austria e Malesia desideravano un seno più piccolo. Ma i ricercatori hanno scoperto che queste differenze erano piuttosto marginali e che la dimensione del seno desiderata era “relativamente omogenea in tutte le nazioni“, in cui, complessivamente, la maggior parte delle donne desideravano un seno medio-grande.

Un’altra scoperta chiave è stata che l’insoddisfazione delle dimensioni del seno diminuisce con l’età. È possibile che le donne più anziane sperimentino meno pressioni sulla dimensione del seno o che la maternità e l’allattamento incoraggino le donne a concentrarsi sugli scopi funzionali del seno piuttosto che considerarlo in termini puramente estetici“, ha affermato Swami.

I nostri dati provengono principalmente da contesti sviluppati dal punto di vista socioeconomico, quindi sarà importante esaminare se i questi risultati saranno validi anche nelle altre popolazioni a livello globale“, ha poi concluso.

 


Lo studio


Crediti immagine: freepik