Le persone timide hanno maggiori probabilità di provare ansia durante i postumi di una sbornia da alcol, secondo un recente studio (Personality and Individual Differences, dettagli in coda). A sua volta, lo sperimentare “ansia” sarebbe legato ad un aumentato rischio di alcolismo negli individui molto timidi.

Il disturbo d’ansia sociale è un noto fattore di rischio per lo sviluppo dell’alcolismo perché il consumo di alcol viene utilizzato come meccanismo di coping da parte di soggetti ansiosi. La timidezza si riferisce a una lieve forma di ansia sociale e uno studio condotto da Beth Marsha ha cercato di esaminare se gli individui timidi fossero a rischio di sviluppare il disturbo da consumo di alcol durante l’esperimento condotto.

Nello studio, 97 partecipanti sono stati divisi casualmente in due gruppi. Ai partecipanti di entrambi i gruppi è stato chiesto di partecipare a una riunione sociale di amici. I partecipanti al gruppo sperimentale sono stati autorizzati a consumare alcolici a loro piacimento mentre i partecipanti al gruppo di controllo dovevano rimanere sobri. I ricercatori hanno misurato la timidezza, l’ansia e i sintomi del disturbo da uso di alcol in tutti i partecipanti all’inizio dello studio, nel mezzo dell’esperimento e il giorno dopo.

Contrariamente alle aspettative dei ricercatori, il consumo di alcol non ha alleviato l’ansia provata da individui timidi in un contesto sociale. Invece, le persone timide che hanno consumato alcol durante l’esperimento avevano maggiori probabilità di provare ansia durante i postumi della sbornia da alcol la mattina seguente. Inoltre, tra i partecipanti che hanno avuto a che fare con l’ansia da sbornia, quelle molto timide hanno avuto maggiori probabilità di mostrare sintomi tipici del disturbo da uso di alcol.

Sappiamo che molte persone bevono per alleviare l’ansia provata in situazioni sociali, ma questa ricerca suggerisce che ciò potrebbe avere conseguenze di rimbalzo il giorno successivo, in cui le persone timide hanno maggiori probabilità di sperimentare questo aspetto, a volte debilitante, derivante dai postumi di una sbornia“, ha detto l’autore dello studio Celia Morgan in un comunicato stampa. “Questi risultati suggeriscono anche che l’ansia a sua volta potrebbe essere collegata alla possibilità delle persone di sviluppare un problema con l’alcol“.

Il legame documentato tra timidezza, ansia da sbornia e predisposizione all’alcolismo può essere spiegato dal modello di sollievo dall’astinenza, sostenendo che i postumi di una sbornia pesante possono stimolare un ulteriore consumo di alcol. Poiché le persone timide sono inclini a manifestare sintomi di postumi di una sbornia più gravi, inclusa una maggiore ansia, affrontano un rischio maggiore di sviluppare un disturbo da consumo di alcol.

Tuttavia, il fatto che l’intossicazione da alcol non abbia ridotto significativamente i livelli di ansia dei partecipanti suggerisce che potrebbe essere improbabile che individui timidi facciano affidamento sull’alcol per sentirsi meno ansiosi nei contesti sociali.

 

Lo studio

 


Crediti immagine: freepik