Una nuova ricerca fornisce alcune prove iniziali sul fatto che alcuni tratti di personalità antisociale (che in precedenza veniva denominata personalità psicopatica) sarebbero associati all’atto di ignorare le misure preventive volte a fermare la diffusione del Coronavirus (SARS-CoV-2, Covid-19).

Lo studio è stato sottoposto a peer review (termine che indica la revisione dei pari, in questo caso scienziati ricercatori) ed è stato accettato per la pubblicazione sulla rivista scientifica Social Psychology and Personality Science.

La mia esperienza di scienziato ricercatore in psicologia e di psicologo praticante mi ha convinto che l’importanza della psicologia e del comportamento, nella prevenzione e nella gestione dei problemi di salute, è enorme“, ha detto l’autore dello studio Pavel S. Blagov, professore associato e direttore del Laboratorio della personalità al Whitman College.

Ciò include quindi lo studio dei tratti di personalità, e lo studio accurato dei modi in cui le persone differiscono nel comportamento, a parità di condizioni. Dalle notizie sui media è emerso molto presto nella pandemia di COVID-19 che alcune persone stavano rifiutando i consigli sul distanziamento sociale e sull’impegnarsi in una maggiore cura dell’igiene. Ci possono essere molte ragioni per questo, e ho pensato che la personalità potesse avere un ruolo“.

Sapevo che i tratti della cosiddetta Triade Oscura (narcisismo, machiavellismo e psicopatia), così come i tratti inclusi nella sola psicopatia, sono collegati ai comportamenti a rischio e a problemi di salute, pertanto mi aspettavo che fossero implicati anche nei comportamenti a rischio relativi alla salute durante la pandemia“, ha detto Blagov.

Esistono ricerche precedenti a questa che suggeriscono che le persone con alti punteggi nei tratti della Triade Oscura possono mettere a rischio consapevolmente, persino deliberatamente, la salute di altre persone, ad esempio impegnandosi in comportamenti sessuali rischiosi e non dicendo al loro partner di avere malattie veneree come l’HIV.

All’inizio della pandemia, e nei mesi successivi, ci sono state numerose segnalazioni di individui che tossivano, sputavano o addirittura leccavano intenzionalmente in pubblico, sia come un modo per intimidire gli altri o come un modo per ribellarsi alle nuove norme emergenti sul distanziamento sociale e sull’igiene. Ero curioso di sapere se la Triade Oscura e i tratti legati alla psicopatia potessero aiutare a spiegare tale comportamento“.

 

Triade Oscura: metodo di ricerca adottato da questa ricerca

Il ricercatore ha sondato online 502 adulti statunitensi a marzo del 2020. Il sondaggio ha chiesto ai partecipanti:

  • quanto spesso rispettavano le raccomandazioni sulla salute per prevenire la diffusione del nuovo coronavirus,
  • se avevano pianificato di farlo,
  • come si comporterebbero se si infettassero.

Il sondaggio includeva anche diverse valutazioni sui tratti della personalità.

Lo studio ha avuto luogo prima che i comportamenti sanitari legati alla pandemia fossero diventati estremamente politicizzati negli Stati Uniti e quando le persone stavano ancora imparando a conoscere la situazione in rapida evoluzione“, ha osservato Blagov.

La maggior parte dei partecipanti, ha scoperto il ricercatore, stava rispettando le raccomandazioni sulla salute dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

È stato incoraggiante scoprire che le persone che hanno partecipato al mio studio hanno generalmente riferito di impegnarsi nel distanziamento sociale e nell’igiene, progettando di continuare a impegnarsi in queste misure ed essere disposti a fare ciò che era necessario per proteggere la salute dei propri cari, conoscenti e sconosciuti“, ha detto Blagov.

Ma alcuni partecipanti hanno riferito di non aver seguito il consiglio, e tale comportamento era collegato a diversi tratti specifici della personalità.

 

Risultati ed evidenze emerse nella correlazione tra il rifiuto delle norme igieniche e specifici tratti di personalità

Blagov ha scoperto che livelli più bassi di gradevolezza e coscienza erano associati a una ridotta probabilità di approvare raccomandazioni sulla salute legate al distanziamento sociale e all’igiene. In altre parole, le persone che erano meno simpatiche/cooperative e le persone che erano meno responsabili/organizzate avevano meno probabilità di impegnarsi nelle misure preventive.

Inoltre, le persone che hanno ottenuto punteggi più alti nei sottotitoli psicopatici di meschinità e disinibizione tendevano a mostrare meno interesse per il distanziamento sociale e l’igiene.

La cattiveria e la disinibizione prevedevano anche l’approvazione del comportamento che mette gli altri a rischio di infezione, come toccare o starnutire su superfici ad alto uso in pubblico. La disinibizione riflette uno scarso controllo degli impulsi, mentre la cattiveria descrive la mancanza di rispetto per gli altri.

Le persone con un punteggio elevato su questi tratti tendevano a sostenere che, se avessero avuto COVID-19, avrebbero potuto esporsi consapevolmente o deliberatamente ad altri“, ha detto Blagov.

Una potenziale conseguenza di questa ricerca è che potrebbe esserci una minoranza di persone con particolari stili di personalità (sullo spettro del narcisismo e della psicopatia) che hanno un impatto sproporzionato sulla pandemia, non riuscendo a proteggere se stessi e gli altri.

I risultati non significano che la malattia virale sia diffusa solo da persone irresponsabili o sconsiderate. Le correlazioni erano spesso piccole e le definizioni scientifiche dei tratti non sono giudizi sul carattere“, ha spiegato Blagov.

La ricerca futura dovrebbe esaminare il comportamento sanitario effettivo (non quello auto-riferito), e se esistono legami simili ad altri tratti di personalità. “La ricerca dovrebbe anche testare più modi di inquadrare i consigli di salute pubblica, in modo tale da proporre messaggi che possano funzionare con le persone con i tratti di personalità di tipo antisociale e narcisistico“, ha concluso il ricercatore.

 


Lo studio


Crediti immagine: freepik