In un nuovo studio, i ricercatori riferiscono di essere in grado di manipolare il modo in cui il cervello codifica e conserva i ricordi emotivi. Gli scienziati hanno scoperto che concentrarsi sui dettagli neutrali di una scena inquietante può indebolire i ricordi successivi di una persona – e le impressioni negative – di quella scena.

I risultati, riportati sulla rivista scientifica Neuropsychologia, potrebbero portare allo sviluppo di metodi per aumentare la resilienza psicologica nelle persone che rischiano di sperimentare eventi traumatici, come soldati, agenti di polizia o vigili del fuoco. Secondo i ricercatori anche coloro che hanno sofferto di depressione o ansia potrebbero anche trarre beneficio da questo tipo di strategia.

Eravamo interessati a diverse proprietà dei ricordi che sono in genere migliorate dall’emozione sottostante“, ha detto Florin Dolcos, professore di psicologia all’Università dell’Illinois, che ha condotto lo studio con la professoressa di psicologia Sanda Dolcos. “L’idea era di vedere se impegnandoci in una strategia di regolazione emotiva possiamo influenzare quei tipi di proprietà della memoria“.

Esistono due categorie di recupero della memoria:

  1. una persona può ricordare molti dettagli su un evento o esperienza, un processo che i ricercatori chiamano “ricordo”;
  2. un individuo può avere un senso di familiarità con l’argomento, ma non mantenere particolari.

Qualche tempo fa noi e altri ricercatori abbiamo dimostrato che l’emozione tende a rafforzare i nostri ricordi“, ha detto Florin Dolcos. “Abbiamo anche saputo che l’emozione aumenta specificamente i ricordi recuperati“.

Questa qualità dell’emozione che migliora la memoria è utile, ma può essere problematica per coloro che ricordano, ancora e ancora, i dettagli di un evento inquietante o traumatico (flashback).

I ricordi negativi potrebbero portare a condizioni cliniche come il disturbo da stress post-traumatico, dove qualcosa di veramente traumatico rimane con dettagli specifici nella mente delle persone“, ha detto l’autore della ricerca.

Nello studio, 19 partecipanti sono stati sottoposti a scansione del cervello mentre guardavano le foto con contenuto negativo o neutro, ad esempio una faccia insanguinata o un albero, sovrapposte a uno sfondo neutro. La risonanza magnetica funzionale (fMRI) ha segnalato quali aree del cervello sono state attivate durante l’attività. Un eye-tracker ha inoltre registrato dove guardavano i partecipanti.

Prima di ogni foto, ai partecipanti veniva chiesto di focalizzare la loro attenzione sul primo piano o sullo sfondo dell’immagine. Dopo averlo visualizzato per quattro secondi, hanno quindi valutato il modo in cui la foto li ha fatti sentire.

I partecipanti sono tornati in laboratorio tra i tre ed i cinque giorni dopo per visualizzare le sia le stesse foto che alcune nuove aggiunte. È stato chiesto loro di indicare se le immagini fossero per loro:

  • completamente nuove;
  • familiari, ma senza particolari ricordati;
  • ricordate, anche in modo dettagliato.

Non sorprende che, quando i soggetti si sono concentrati sul primo piano di foto con contenuti negativi, i partecipanti hanno valutato le foto come più negative. Quando si sono concentrati invece sugli sfondi neutri delle foto con contenuti negativi, hanno sì considerato le foto come negative, ma le hanno valutate meno negativamente. Hanno anche conservato meno ricordi dettagliati delle foto negative pochi giorni dopo.

Questo è il primo studio finalizzato a dimostrare che concentrarsi sul contesto di un evento emotivamente significativo può influenzare direttamente la formazione della memoria episodica, così come il richiamo mnestico dell’evento stesso nei giorni seguenti“, ha detto Sanda Dolcos.

Le scansioni fMRI hanno rivelato che le regioni cerebrali note per essere associate alla formazione della memoria emotiva erano più attive quando i partecipanti si concentravano sui primi piani delle foto negative. L’attività cerebrale differiva, tuttavia, quando i partecipanti si concentravano sugli sfondi delle immagini negative.

La condizione di messa a fuoco di fondo è stata associata a una ridotta attività nell’amigdala, nell’ippocampo e nel giro del para-ippocampo anteriore“, hanno scritto i ricercatori. Queste regioni del cervello svolgono un ruolo nella codifica della memoria e nell’elaborazione delle informazioni emotive. Un’analisi statistica “ha anche mostrato che una ridotta attività in queste regioni prevedeva una maggiore riduzione del ricordo emotivo“.

Potrebbe sembrare contro-intuitivo che stiamo cercando modi per ridurre i ricordi delle persone“, ha detto Sanda Dolcos. “Di solito, le persone sono interessate a migliorare i loro ricordi. Ma stiamo scoprendo che strategie come questa, che possono essere impiegate quando siamo esposti a determinate situazioni angoscianti, possono aiutare molto“.

 

 

Lo studio

 


Crediti immagine: Toimetaja Tõlkebüroo