I pazienti che hanno assunto antidepressivi per anni dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di interrompere il trattamento. Tuttavia, i ricercatori affermano che probabilmente dovranno affrontare sintomi di astinenza difficili e persino pericolosi a causa di una dipendenza fisica correlata all’assunzione prolungata di tali psicofarmaci.

Il processo migliore è seguire un programma di riduzione graduale con la supervisione di un medico, secondo quanto riportato in una ricerca del Journal of American Osteopathic Association. La sospensione repentina di questi farmaci non è quasi mai consigliabile.

Capisco che molte persone si sentono al sicuro in quanto la loro depressione o la loro ansia è continuamente gestita dai farmaci. Tuttavia, questi sono farmaci che alterano la mente e non sono mai stati intesi come una soluzione permanente“, afferma Mireille Rizkalla, PhD, del Dipartimento di integrazione clinica presso la Midwestern University Chicago College of Osteopathic Medicine, autrice principale di questa ricerca. “Una volta che la depressione o l’ansia del paziente è stata risolta, il medico dovrebbe guidarli verso l’interruzione, fornendo allo stesso tempo trattamenti non farmacologici per aiutarli a mantenere la loro salute mentale“.

 

Interrompere l’assunzione degli antidepressivi, cosa ci si può attendere?

I pazienti che interrompono l’assunzione dei loro farmaci spesso manifestano la sindrome da sospensione di antidepressivi (ADS – Antidepressant Discontinuation Syndrome), che comprende sintomi come:

  • insonnia,
  • nausea,
  • squilibrio,
  • disturbi sensoriali (spesso descritti come shock elettrici),
  • vigilanza acutizzata.

Gli antidepressivi di prima generazione, quelli da più tempo sul mercato, spesso comportano rischi aggiuntivi per sintomi più gravi, tra cui:

  • aggressività,
  • catatonia,
  • deficit cognitivo,
  • psicosi.

La sospensione di qualsiasi antidepressivo, in assenza di psicoterapia, comporta anche un rischio di peggioramento o ricaduta graduale della depressione e dell’ansia, nonché di pensieri suicidi.

 

Antidepressivi assunti per periodi indefiniti

Un recente rapporto del CDC (Centers for Disease Control and Prevention) afferma che un quarto delle persone che assumono antidepressivi li usano da almeno un decennio. Rizkalla afferma che questi dati dimostrano che pazienti e medici dipendono eccessivamente dai farmaci senza preoccuparsi delle conseguenze a lungo termine.

Penso che abbiamo un vero problema con la gestione dell’assistenza ai pazienti, quando si tratta di prescrivere antidepressivi“, afferma Rizkalla. “Tendiamo a mettere i pazienti su un SSRI e più o meno ci dimentichiamo di loro“.

I ricercatori aggiungono che, sebbene relativamente sicuri, gli antidepressivi producano ancora importanti effetti collaterali, tra cui:

  • aumento di peso,
  • disfunzione sessuale,
  • intorpidimento emotivo.

L’assunzione di psicofarmaci richiede inoltre particolare cautela poiché l’evidenza dei fattori di rischio correlati agli antidepressivi si basa solo sull’uso a breve termine e afferma che non esistono studi longitudinali sufficienti sull’impatto neurologico dell’assunzione di antidepressivi per periodi lunghi, che spesso si contano in decenni.

 

Lo studio

 


Crediti immagine: yanalya