Tre persone stanno camminando per strada, due donne e un uomo. Una delle donne inciampa e cade. Quale dei due spettatori proverà più empatia per il suo disagio? Centinaia di studi suggeriscono che sarà la donna. Tuttavia, questi risultati provengono nella quasi totalità dei casi da autodichiarazioni. Le prove oggettive che le donne provino davvero più empatia degli uomini sono molto scarse. Questo ha portato all’idea che le donne riportano più empatia non perché la sentono veramente, ma per conformarsi alle aspettative della società secondo cui dovrebbero.

Tuttavia, un nuovo studio in Scientific Reports sostiene di fornire la prova che, anche quando pensano che nessun altro stia guardando o chiedendo, le ragazze mostrano più empatia dei ragazzi.

Joyce F Benenson dell’Università del Quebec e alcuni colleghi hanno costituito coppie di bambini dai 5 ai 7 anni, facendo in modo che un membro della coppia subisse un episodio sfortunato e l’altro ne fosse testimone. I membri di ciascuna delle 32 coppie femminili e 23 coppie maschili si conoscevano, ma non erano considerati dai loro insegnanti come migliori amici o avversari. (I ricercatori hanno abbinato le coppie per sesso perché studi precedenti hanno suggerito che proviamo più empatia per le persone dello stesso sesso – quindi qualsiasi differenza di sesso nell’empatia dovrebbe essere più facile da individuare).

Ogni coppia è stata portata in una stanza della propria scuola. Era vuota, tranne che per due cesti di blocchi di plastica all’ingresso, e un tavolo in fondo. Ai bambini è stato chiesto se fossero disposti a portare i blocchi al tavolo e costruire una torre. (la storia completa un po’ elaborata coinvolgeva bambini estranei che avevano bisogno di contattare i loro genitori; i bambini sembravano tutti voler partecipare, riferiscono i ricercatori). Prima di lasciare la stanza, lo sperimentatore li ha avvertiti che un cestino era un po’ rotto, quindi se un bambino scopriva che i suoi blocchi cadevano, doveva raccoglierli con le mani per portarli sul tavolo.

Telecamere nascoste hanno poi registrato ciò che è successo quando i ricercatori hanno azionato a distanza uno dei cesti per romperlo, facendo cadere i blocchi di quel bambino. Il team si è concentrato sulle reazioni dell’altro bambino e le ha valutate in base a quattro “indicatori di empatia“:

  1. guardare la vittima per più di tre secondi;
  2. cessare la propria attività per più di un secondo;
  3. cessare la propria attività fino a quando l’altro bambino ha messo un blocco sulla torre;
  4. intervenire attivamente raccogliendo il cestino o i blocchi caduti all’altro.

 

Otto delle ragazze, e nessuno dei ragazzi, si sono impegnati in almeno uno dei quattro i comportamenti. Inoltre sette ragazze e cinque ragazzi non si sono dedicati ad alcuno di essi.

Nel complesso, molte più ragazze che ragazzi hanno guardato la vittima per più di tre secondi e le hanno dato la possibilità di riprendersi prima di mettere il proprio blocco sul tavolo. Le femmine “hanno esibito un comportamento più empatico dei maschi“, ha concluso il team, aggiungendo: “È molto probabile che le donne provino maggiori sentimenti di empatia che le motivano a comportarsi in modi che mostrano più preoccupazione per le vittime“.

Questa conclusione sembra plausibile. Potrebbe darsi che, come sostengono i ricercatori, siano stati trovati indicatori comportamentali sulle differenze di sesso nell’empatia. Ma ci sono altre potenziali spiegazioni. Potrebbe anche darsi che le ragazze siano più pazienti dei ragazzi, o più accomodanti (ci sono ricerche che dimostrano che le ragazze e le donne tendono ad avere un punteggio più alto in questo tratto di personalità rispetto ai maschi), o che i ragazzi fossero più competitivi e dessero la priorità al costruire piuttosto che all’agire in base all’empatia che provavano per il loro compagno.

In effetti, la maggior parte dei ragazzi ha messo in pausa qualsiasi cosa stesse facendo dopo l’incidente. La maggior parte non ha mostrato altre “attività empatiche”, ma questo non significa necessariamente che non provassero la stessa empatia per i loro partner sfortunati come hanno fatto le ragazze. Forse le ragazze provano davvero più empatia, ma non è stato possibile concluderlo da questo studio.

 

 


Lo studio


Crediti immagine: cookie-studio