Generic selectors
Esatta corrispondenza
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine

Articoli recenti di psicologia scientifica

Curiosità

Articoli scientifici, Curiosità, Genitori&Figli

La memoria degli studenti funziona meglio se il materiale viene trasmesso con entusiasmo

Per moltissimi genitori, globalmente, sta diventando sempre più difficile mantenere l’entusiasmo per le lezioni a distanza dei propri figli. Sappiamo tutti che quando un istruttore/insegnante si mostra entusiasta, le sessioni sono più piacevoli, ma soprattutto, risultano più efficaci in quanto si tende anche a ricordare di più. Sebbene questo possa risultare comunemente noto, tuttavia, “i meccanismi alla base degli effetti favorevoli dell’entusiasmo dell’insegnante sono ancora in gran parte sconosciuti“, scrivono Angelica Moè dell’Università di Padova…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Le suggestioni ipnotiche possono rendere facile un compito complesso

Una nuova ricerca dimostra che l’ipnosi – il processo di concentrare l’attenzione di una persona su uno specifico compito o una specifica sensazione – può trasformare un compito visivo solitamente difficile in uno molto più facile, aiutando gli individui a “riempire mentalmente i vuoti” di spunti visivi mancanti. Il folclore popolare e l’evidenza aneddotica suggeriscono che le persone che si trovano in uno stato di ipnosi o di suggestione possono sperimentare allucinazioni sensoriali, come la…

Articoli scientifici, Curiosità

Una ricerca fa luce sui correlati culturali e psicologici legati alla religione e all’essere religiosi

La psicologia è uno dei principali metodi scientifici per la comprensione del fenomeno delle religioni organizzate e delle loro dimensioni cognitive, emotive, morali e sociali. Per studiare il ruolo di questi elementi psicologici nella mappatura e nella mediazione dell’esperienza religiosa soggettiva, un team di ricercatori internazionali ha esaminato le somiglianze e le differenze tra le culture di 14 paesi diversi e in seno ad esse. Precedenti studi teorici avevano evidenziato quattro principali dimensioni della religione:…

Articoli scientifici, Curiosità

Uno scarso adattamento allo stress può portare ad atteggiamenti dispotici

Un recente studio francese, pubblicato sulla rivista Emotion, ha tracciato un nuovo legame tra autoritarismo di destra, tendenze di supremazia sociale e variabilità della frequenza cardiaca. L’autoritarismo di destra è misurato attraverso: atteggiamenti sottomessi e acritici verso le autorità; la tendenza a condannare, respingere o punire gli individui che non rispettano le loro convenzioni sociali; l’adesione ai valori ritenuti tradizionali (morali e religiosi). L’orientamento alla supremazia sociale, invece, si riferisce alla preferenza per le relazioni…

Articoli scientifici, Curiosità

Messaggino o telefonata? Uno studio mostra che la telefonata è più efficace!

Quando scegliamo tra il mandare un messaggio o telefonare, dovremmo forse tenere conto di quanto emerso da un recente studio. Sarebbe dimostrato che una telefonata vince a mani basse nel caso in cui l’obiettivo fosse quello di connettersi con qualcuno in modo significativo. Un nuovo studio dell’Università del Texas a Austin suggerisce che le persone scelgono troppo spesso di inviare e-mail o messaggi di testo quando invece una telefonata produrrebbe con più probabilità i sentimenti…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Il narcisista beve più vino rispetto alla media, convinto di aumentare la propria attrattività

Un nuovo studio sui consumatori francesi e americani ha rilevato che i narcisisti bevono più vino rispetto ai non narcisisti, perché lo collegano ad una maggiore attrattiva sociale. Lo studio suggerisce anche che questi benefici sociali portano i narcisisti a bere vino anche quando non lo gradiscono in modo particolare. La ricerca pregressa aveva già dimostrato che le persone associano il vino alla ricchezza, al prestigio e alla raffinatezza. Come oggetto di “consumo appariscente“, il…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Cautamente ottimista: studio scopre che il troppo ottimismo diminuisce la felicità

Un nuovo studio condotto da dei ricercatori britannici ha scoperto che essere cautamente ottimisti genera il maggior senso di benessere. Il loro studio ha esaminato le conseguenze a lungo termine di queste disposizioni: ottimisti irrealistici, pessimisti irrealistici o realisti? Gli ottimisti sono più felici? La ricerca precedente aveva scoperto che pensare in un futuro luminoso era effettivamente correlato a dei risultati positivi. L’idea di base è che l’ottimismo rende le persone più capaci di gestire…

Articoli scientifici, Curiosità

Aumentare l’uso dei termini “io” e “noi” può essere un segnale che anticipa la rottura

Una ricerca di prossima pubblicazione ha dimostrato che i segnali di preavviso di una possibile separazione potrebbero risiedere in alcune semplici parole che usiamo nelle conversazioni di tutti i giorni. E in effetti, alcuni strumenti di analisi della lingua possono prevedere la fine di una relazione già mesi in anticipo, prima che uno dei due partner si renda conto che la rottura stia per avvenire. Lo studio completo apparirà su PNAS. Gli autori, dell’Università del…

Articoli scientifici, Curiosità

Temere di restare single viene percepito dagli altri e ciò ridurrebbe la desiderabilità

Un nuovo studio suggerisce che la paura di rimanere single può essere rilevata dai potenziali partner e può provocare una perdita di interesse romantico. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Personality. La ricerca ha dimostrato che la paura di essere single sarebbe legata a dei comportamenti disfunzionali all’interno delle relazioni affettive, come l’accontentarsi di essere considerati inferiori o subordinati ed essere meno propensi a terminare una relazione problematica. Tuttavia, gli autori dello studio…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

La Ibogaina psichedelica potrebbe curare dipendenza e depressione

Una versione non allucinogena dell’ibogaina, un farmaco psichedelico non allucinogeno, con il potenziale per il trattamento della dipendenza, della depressione e di altri disturbi psichiatrici, è stata sviluppata da ricercatori dell’Università della California, Davis. Un articolo che descrive il lavoro è stato pubblicato su Nature. “Gli psichedelici sono alcune delle droghe più potenti tra quelle che conosciamo che agiscono sul cervello”, ha detto David Olson, assistente professore di chimica all’Università della California, Davis e autore…