Generic selectors
Esatta corrispondenza
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine

Articoli recenti di psicologia scientifica

Curiosità

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Cautamente ottimista: studio scopre che il troppo ottimismo diminuisce la felicità

Un nuovo studio condotto da dei ricercatori britannici ha scoperto che essere cautamente ottimisti genera il maggior senso di benessere. Il loro studio ha esaminato le conseguenze a lungo termine di queste disposizioni: ottimisti irrealistici, pessimisti irrealistici o realisti? Gli ottimisti sono più felici? La ricerca precedente aveva scoperto che pensare in un futuro luminoso era effettivamente correlato a dei risultati positivi. L’idea di base è che l’ottimismo rende le persone più capaci di gestire…

Articoli scientifici, Curiosità

Aumentare l’uso dei termini “io” e “noi” può essere un segnale che anticipa la rottura

Una ricerca di prossima pubblicazione ha dimostrato che i segnali di preavviso di una possibile separazione potrebbero risiedere in alcune semplici parole che usiamo nelle conversazioni di tutti i giorni. E in effetti, alcuni strumenti di analisi della lingua possono prevedere la fine di una relazione già mesi in anticipo, prima che uno dei due partner si renda conto che la rottura stia per avvenire. Lo studio completo apparirà su PNAS. Gli autori, dell’Università del…

Articoli scientifici, Curiosità

Temere di restare single viene percepito dagli altri e ciò ridurrebbe la desiderabilità

Un nuovo studio suggerisce che la paura di rimanere single può essere rilevata dai potenziali partner e può provocare una perdita di interesse romantico. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Personality. La ricerca ha dimostrato che la paura di essere single sarebbe legata a dei comportamenti disfunzionali all’interno delle relazioni affettive, come l’accontentarsi di essere considerati inferiori o subordinati ed essere meno propensi a terminare una relazione problematica. Tuttavia, gli autori dello studio…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

La Ibogaina psichedelica potrebbe curare dipendenza e depressione

Una versione non allucinogena dell’ibogaina, un farmaco psichedelico non allucinogeno, con il potenziale per il trattamento della dipendenza, della depressione e di altri disturbi psichiatrici, è stata sviluppata da ricercatori dell’Università della California, Davis. Un articolo che descrive il lavoro è stato pubblicato su Nature. “Gli psichedelici sono alcune delle droghe più potenti tra quelle che conosciamo che agiscono sul cervello”, ha detto David Olson, assistente professore di chimica all’Università della California, Davis e autore…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Essere autentici sui social media aumenta il proprio benessere

È divenuta una sorta di regola il fatto che non si dovrebbe credere a tutto ciò che si vede sui social media. Quando la vita di qualcuno sembra perfetta, ci viene spesso ricordato, ci sono probabilmente una quantità di problemi che probabilmente si trovano nascosti nel silenzio, lontano dagli occhi. La vita di nessuno è così scintillante, impeccabile o invidiabile come potrebbe apparire nei suoi contenuti attentamente elaborati. Presentarsi in modo più autentico sui social…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Uno studio evidenzia il ruolo della privazione del sonno nei pensieri indesiderati

La mancanza di sonno compromette significativamente la nostra capacità di impedire che pensieri indesiderati e spiacevoli entrino nella nostra mente, come rivela un nuovo studio. Gli autori della ricerca affermano che i risultati potrebbero avere implicazioni sulle persone che soffrono di condizioni psichiatriche associate a pensieri indesiderati – come il disturbo da stress post-traumatico, la depressione e la schizofrenia. Lo studio, condotto dall’Università di York, ha testato la capacità dei partecipanti di sopprimere i pensieri…

Articoli scientifici, Curiosità

Sesso sicuro o relazione rischiosa? I giovani adulti scelgono in modo razionale

Si diceva che Eros, il leggendario dio greco dell’amore, portasse confusione e indebolisse la mente. Nuove ricerche, tuttavia, suggeriscono che i giovani adulti sono invece piuttosto razionali quando si tratta di selezionare i potenziali partner sessuali. Uno studio pubblicato sulla rivista Psychological Science ha scoperto che i giovani adulti, nonostante il modo in cui a volte vengono ritratti dai media, tendono a prendere decisioni molto razionali quando si tratta di selezionare potenziali partner sessuali. Questo…

Articoli scientifici, Curiosità, Genitori&Figli, Salute mentale e benessere

Videogiochi violenti e aggressività, cosa ci dice la ricerca

I ricavi globali dei videogiochi superano i 140 miliardi di dollari ogni anno e gli sport digitali stanno diventando sempre più competitivi (e potenzialmente redditizi) quanto altri sport professionali. Alcuni dei videogiochi più popolari – tra cui Fortnite, Grand Theft Auto, Rainbow Six Siege, Red Dead Redemption, Overwatch, Counter-Strike e Call of Duty – sono caratterizzati da un certo livello di violenza, tuttavia rimangono ancora da risolvere alcune questioni: il comportamento violento nel gioco ha…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Gli obiettivi di vita delle persone sono legati alla personalità

In quella che risulta essere la prima ricerca di questo tipo condotta ad oggi, un nuovo studio della University of California suggerisce che la maggior parte delle persone formulano obiettivi coerenti con i propri tratti della personalità – e gli obiettivi di un individuo sono legati a come la sua personalità cambia nel tempo. Lo studio ha intervistato più di 500 studenti quando hanno iniziato l’università, ogni anno durante l’università, e 20 anni dopo i…

Articoli scientifici, Curiosità

Le associazioni tra colori ed emozioni sono simili in tutto il mondo!

In tutto il mondo, le persone associano i colori alle emozioni. Ora, un nuovo studio mostra che i colori e le emozioni a cui le persone li associano risultano essere globalmente molto simili, a prescindere dalla cultura di riferimento. Come scrivono gli autori, “molti di noi ‘vedono rosso’ quando sono arrabbiati o ‘diventano verdi” d’invidia. Pertanto ci siamo chiesti se queste associazioni colore-emozione sono fondamenti comuni della nostra architettura cognitiva, oppure sono creazioni culturali apprese…