Generic selectors
Esatta corrispondenza
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine

Articoli recenti di psicologia scientifica

Salute mentale e benessere

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Le persone con depressione mostrano segni di pensiero distorto nel modo in cui usano i social media

Un aspetto chiave della terapia cognitivo-comportamentale è quello di sfidare le “distorsioni cognitive“, modelli di pensiero imprecisi che spesso colpiscono le persone con depressione. Tali distorsioni potrebbero includere: il saltare alle subito conclusioni, la tendenza alla valutazione catastrofica, il pensiero in bianco e nero, l’auto-colpevolizzazione. Tutte modalità che possono causare una sincera angoscia a coloro che le sperimentano. Ma come possiamo tracciare la distorsione cognitiva in quelli con la depressione al di fuori del self-reporting?…

Articoli scientifici, Salute mentale e benessere

Chi non si sente socialmente accettato tende a vivere più sulla difensiva

Può essere difficile ammettere la propria responsabilità quando hai commesso qualcosa di sbagliato, che sia grande o meno, specialmente se senti di aver trasgredito ad un codice morale o sociale. Potresti quindi scegliere di evitare di affrontare il problema e metterti sulla difensiva. Ma la posizione difensiva ha comunque spesso delle conseguenze negative: essa può ferire i sentimenti di qualcun altro, offuscare la capacità di prendere una buona decisione sul momento, o impedirci di cambiare…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Lavorare da casa ha migliorato le relazioni con i propri colleghi

Un nuovo studio su 2.000 persone che hanno lavorato da casa durante la pandemia ha rilevato che il 76% sostiene che il passaggio al lavoro a distanza ha migliorato le relazioni con i colleghi. Circa il 50% dichiara anche che il lavoro a distanza ha migliorato la propria produttività. I risultati rivelano che le persone sono più produttive, collaborative e fiduciose nei loro incarichi come risultato del passaggio al lavoro a distanza. Hanno anche sviluppato…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Le suggestioni ipnotiche possono rendere facile un compito complesso

Una nuova ricerca dimostra che l’ipnosi – il processo di concentrare l’attenzione di una persona su uno specifico compito o una specifica sensazione – può trasformare un compito visivo solitamente difficile in uno molto più facile, aiutando gli individui a “riempire mentalmente i vuoti” di spunti visivi mancanti. Il folclore popolare e l’evidenza aneddotica suggeriscono che le persone che si trovano in uno stato di ipnosi o di suggestione possono sperimentare allucinazioni sensoriali, come la…

Articoli scientifici, Salute mentale e benessere

Il tradimento, sia subito che inflitto, è correlato a relazioni successive di scarsa qualità

Un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Psychology esamina come le esperienze d’infedeltà influenzino le relazioni future di un individuo. Aver tradito un partner o essere stati traditi sono stati entrambi associati a una minore qualità del rapporto nelle relazioni successive. L’infedeltà può essere molto dannosa per il partner tradito, portando a conseguenze di salute mentale come una diminuzione della sicurezza sessuale e una ridotta autostima. Se irrisolti, i conflitti che hanno a che fare…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Il narcisista beve più vino rispetto alla media, convinto di aumentare la propria attrattività

Un nuovo studio sui consumatori francesi e americani ha rilevato che i narcisisti bevono più vino rispetto ai non narcisisti, perché lo collegano ad una maggiore attrattiva sociale. Lo studio suggerisce anche che questi benefici sociali portano i narcisisti a bere vino anche quando non lo gradiscono in modo particolare. La ricerca pregressa aveva già dimostrato che le persone associano il vino alla ricchezza, al prestigio e alla raffinatezza. Come oggetto di “consumo appariscente“, il…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Cautamente ottimista: studio scopre che il troppo ottimismo diminuisce la felicità

Un nuovo studio condotto da dei ricercatori britannici ha scoperto che essere cautamente ottimisti genera il maggior senso di benessere. Il loro studio ha esaminato le conseguenze a lungo termine di queste disposizioni: ottimisti irrealistici, pessimisti irrealistici o realisti? Gli ottimisti sono più felici? La ricerca precedente aveva scoperto che pensare in un futuro luminoso era effettivamente correlato a dei risultati positivi. L’idea di base è che l’ottimismo rende le persone più capaci di gestire…

Articoli scientifici, Salute mentale e benessere

Un nuovo metodo per prevedere il rischio di declino cognitivo

La prognosi precoce degli adulti anziani ad alto rischio di decadimento cognitivo lieve amnestico (aMCI), mediante dei neuromarcatori non invasivi e sensibili, è fondamentale per la prevenzione precoce della malattia di Alzheimer. Un recente studio, pubblicato nel Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori dell’Università del Kentucky, stabilisce quello che si ritiene essere un nuovo modo per predire il rischio di demenza molti anni prima di una diagnosi clinica. Il lavoro dimostra che le misure dirette…

Articoli scientifici, Salute mentale e benessere

Un quarantenne su cinque ha problemi di salute mentale

Le persone nate tra il 1946 e il 1970 hanno fino al 20% in più di probabilità di manifestare un disagio psicologico, compresi i sintomi di ansia e depressione verso i 40 e i 50 anni, come riferisce un nuovo studio. Tale studio, pubblicato su Psychological Medicine, rivela che il 20% dei nati nel 1970 – parte della Generazione X – il 19% dei Baby Boomers nati nel 1946, e il 15% dei Baby Boomers…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

La Ibogaina psichedelica potrebbe curare dipendenza e depressione

Una versione non allucinogena dell’ibogaina, un farmaco psichedelico non allucinogeno, con il potenziale per il trattamento della dipendenza, della depressione e di altri disturbi psichiatrici, è stata sviluppata da ricercatori dell’Università della California, Davis. Un articolo che descrive il lavoro è stato pubblicato su Nature. “Gli psichedelici sono alcune delle droghe più potenti tra quelle che conosciamo che agiscono sul cervello”, ha detto David Olson, assistente professore di chimica all’Università della California, Davis e autore…