La psicosi da innesto è un grave disturbo psichiatrico che si verifica su di una patologia preesistente; ad esempio un deficit mentale grave può indurre la persona, che ha scarsità di relazioni con la realtà esterna, a “costruirsi” uno o più personaggi con cui interagire, producendo percezioni visive ed acustiche (allucinazioni).

Può verificarsi in soggetti internati e lungo degenti in cliniche psichiatriche ed è diversa dalla “imitazione”, che invece si verifica quando un paziente assume come propri i deliri di un altro degente, che spesso è vissuto come soggetto dominante (disturbo psicotico condiviso).

Quando è una vera psicosi da innesto il paziente è dominato da deliri che si possono presentare in maniera bizzarra, intervallati da periodi di discreto o buon rapporto con il mondo reale. A volte è possibile vedere il paziente interloquire con un soggetto fantastico come se fosse sempre stato presente ed al corrente di quanto è accaduto.

Quello che nasce come riparazione ad una vita povera ed intollerabile finisce col diventare una personale realtà che interferisce nel rapporto dell’individuo con il mondo reale, disturbandone in particolar modo i rapporti interpersonali.

 


Crediti immagine: freepik