Generic selectors
Esatta corrispondenza
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine

Articoli recenti di psicologia scientifica

ansia

Articoli scientifici, Genitori&Figli, Salute mentale e benessere

Gli adolescenti depressi o ansiosi rischiano di avere attacchi cardiaci nella mezza età

La depressione o l’ansia nell’adolescenza è legata a una maggiore probabilità di avere un attacco di cuore a in età adulta, secondo una ricerca pubblicata al Congresso ESC 2020. In un avvertimento ai genitori, l’autrice dello studio, la Dott.ssa Cecilia Bergh dell’Università di Örebro in Svezia, ha detto: “Siate vigili e cercate segni di stress, depressione o ansia che vanno oltre la normale angoscia adolescenziale: cercate aiuto se sembra esserci un problema persistente. Se uno…

Articoli scientifici, Salute mentale e benessere

Ascolta il tuo intestino: averne cura porta benefici al cervello

La serotonina si è guadagnata anche al di fuori della comunità scientifica una reputazione diffusa come il neurotrasmettitore responsabile del controllo della felicità, del benessere e dell’umore, anche se il funzionamento effettivo della serotonina comporta processi molto più complessi. Se alla maggior parte delle persone venisse chiesto di identificare dove risiede il 90% della serotonina nel loro corpo, risponderebbe “nel cervello”. Ma, sorprendentemente, non è così! I ricercatori stimano che più del 90% della serotonina…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

FOMO: effetti maggiori su chi è dipendente da Instagram

Un nuovo studio pubblicato su Psychological Reports suggerisce che la personalità influenza il modo in cui le persone usano i social media. Le scoperte emerse hanno mostrato che tanto le personalità estroverse quanto quelle che hanno paura di essere tagliate fuori (FOMO, acronimo di “fear of missing out”) mostrano comportamenti di dipendenza specifici sulla piattaforma Instagram. “Nel nostro studio, le persone con FOMO più elevato hanno riportato un atteggiamento più favorevole nei confronti di Instagram:…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Come i traumi vissuti lasciano una traccia nei nostri occhi

La risposta pupillare nei soggetti con PTSD differisce dalle persone che non hanno avuto eventi traumatici. I pazienti con PTSD non solo hanno mostrato una risposta esagerata a stimoli minacciosi, ma anche agli stimoli che hanno rappresentato immagini positive. Una nuova ricerca condotta da accademici gallesi mostra che le reazioni pupillari di un paziente possono rivelare se in passato ha subito un’esperienza traumatica. Il disturbo da stress post-traumatico può verificarsi quando una persona ha vissuto…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Chi mangia carne tende ad avere una migliore salute psicologica

Le persone che evitano il consumo di carne tendono ad avere una salute psicologica peggiore di quelle che mangiano carne, secondo una nuova ricerca pubblicata su Critical Review in Food Science and Nutrition. Lo studio, che non ha tratto alcuna conclusione sulla causalità, ha scoperto che i vegetariani e i vegani erano a maggior rischio di depressione, ansia e autolesionismo. “Le scelte dietetiche sono state un potente indicatore della classe sociale e della successiva selezione…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Manifestazioni d’affetto non verbali, quando sono più efficaci

Le persone che cercano di minimizzare l’importanza delle relazioni strette, e che generalmente sopprimono le proprie emozioni, sono quelle più sensibili ai segnali non verbali dell’amore, secondo una nuova ricerca pubblicata nella rivista scientifica Personality and Social Psychology Bulletin. I risultati suggeriscono che l’affetto non verbale è particolarmente importante per gli individui attivamente evitanti.   Cosa si intende quando gli psicologi parlano di stile di attaccamento? Le persone possono essere sicure o insicure nei loro…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Gli impulsivi con difficoltà psicologiche tendono ad impegnarsi nell’odio online

Una nuova ricerca dimostra che fattori personali e comportamento di gruppo sono entrambi correlati all’invio di messaggi di odio sui social media. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica PLOS One. “L’odio e l’aggressività online sono tra i problemi sociali attuali più critici e sfidano il benessere e la sicurezza degli individui e delle comunità, ma anche il funzionamento delle nostre società e dei processi democratici. L’aggressività online dovrebbe essere vista come una forma…

Articoli scientifici, Genitori&Figli

L’ansia da matematica nei bambini sarebbe correlata all’attaccamento insicuro

Uno studio, pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Psychology, suggerisce un legame tra le relazioni di attaccamento genitore-figlio e lo sviluppo dell’ansia da matematica (matofobia) nei bambini. Lo studio ha scoperto che i bambini con attaccamento insicuro hanno un aumento dell’ansia da matematica.   Matofobia: cos’è l’ansia da matematica Secondo gli psicologi la matofobia, nota come ansia da matematica, si riferisce all’esperienza di ansia o tensione riconducibile a compiti che richiedono una soluzione matematica. Questa…

Articoli scientifici, Curiosità

Uno studio sui gemelli rileva che la sensibilità è, in parte, una questione genetica

Alcune persone sono più sensibili di altre e circa la metà di queste differenze può essere attribuita ai nostri geni, secondo una ricerca recentemente condotta, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Molecular Psychiatry. Lo studio, eseguito presso la Queen Mary University di Londra, ha confrontato coppie di gemelli diciassettenni identici e non identici (monozigoti e dizigoti) per vedere quanto il loro livello di sensibilità fosse influenzato da esperienze positive o negative. Lo…

Articoli scientifici, Genitori&Figli, Salute mentale e benessere

La dipendenza dai videogiochi è reale?

Per la maggior parte degli adolescenti, giocare ai videogiochi è una forma di intrattenimento divertente e che spesso include una componente sociale. Se è innegabile che si tratti di un passatempo divertente, occorre considerare che c’è una crescente preoccupazione sul fatto che passare troppo tempo sui videogiochi possa essere legato a risultati di sviluppo negativi e che, in certi casi, possa far sviluppare una dipendenza. Un recente studio della durata di sei anni, lo studio…