Generic selectors
Esatta corrispondenza
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine

Articoli recenti di psicologia scientifica

apprendimento

Articoli scientifici, Curiosità, Genitori&Figli

La memoria degli studenti funziona meglio se il materiale viene trasmesso con entusiasmo

Per moltissimi genitori, globalmente, sta diventando sempre più difficile mantenere l’entusiasmo per le lezioni a distanza dei propri figli. Sappiamo tutti che quando un istruttore/insegnante si mostra entusiasta, le sessioni sono più piacevoli, ma soprattutto, risultano più efficaci in quanto si tende anche a ricordare di più. Sebbene questo possa risultare comunemente noto, tuttavia, “i meccanismi alla base degli effetti favorevoli dell’entusiasmo dell’insegnante sono ancora in gran parte sconosciuti“, scrivono Angelica Moè dell’Università di Padova…

Articoli scientifici, Salute mentale e benessere

L’apprendimento è fondamentale per la salute cognitiva, lungo tutto l’arco di vita

Investire tempo nell’istruzione dall’infanzia alla prima età adulta amplia le opportunità di carriera e fornisce stipendi progressivamente più alti. Inoltre, produce benefici in termini di salute mentale e longevità. Una nuova analisi pubblicata sulla rivista Psychological Science in the Public Interest (PSPI), tuttavia, rivela che, anche se un’educazione scolastica di medio impegno previene i segni più evidenti di deficit cognitivi legati all’età, ciò non sembra diminuire il tasso di declino cognitivo legato all’invecchiamento. Al contrario,…

Articoli scientifici, Curiosità

Studio collega l’attrazione per i leader “tirannici” alle proprie dinamiche familiari disfunzionali

I conflitti familiari in adolescenza potrebbero svolgere un ruolo determinante nei tipi di leader che le persone seguono da adulti. Vi siete mai chiesti come mai alcuni leader nel mondo degli affari e soprattutto della politica pur risultando essere egoisti, manipolatori e prepotenti riescano ad accumulare un importante seguito? Un recente studio pubblicato nel Journal of Leadership & Organizational Studies, condotto dall’assistente professore di Management dell’Università Statale di San Francisco Dayna Herbert Walker, ha trovato…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Perché le persone evitano i fatti che potrebbero aiutarle?

Diversi studi suggeriscono che le persone preferiscono ampiamente rimanere ignoranti riguardo alle informazioni dalle quali potrebbero trarne beneficio, se queste sono percepite come “dolorose” ma, talvolta, anche quando sono piacevoli. Nell’era dell’informazione, una quantità di dati senza precedenti è a portata di mano di ognuno di noi. Eseguiamo test genetici sui nostri bambini non ancora nati per prepararci al peggio. Riceviamo regolarmente screening per il cancro e monitoriamo la nostra salute su dispositivi da polso…

Articoli scientifici, Genitori&Figli

L’ansia da matematica nei bambini sarebbe correlata all’attaccamento insicuro

Uno studio, pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Psychology, suggerisce un legame tra le relazioni di attaccamento genitore-figlio e lo sviluppo dell’ansia da matematica (matofobia) nei bambini. Lo studio ha scoperto che i bambini con attaccamento insicuro hanno un aumento dell’ansia da matematica.   Matofobia: cos’è l’ansia da matematica Secondo gli psicologi la matofobia, nota come ansia da matematica, si riferisce all’esperienza di ansia o tensione riconducibile a compiti che richiedono una soluzione matematica. Questa…

Articoli scientifici, Curiosità

Perché alcuni, pur conoscendo la decisione migliore, non la scelgono?

Da quanto è emerso da un nuovo studio pubblicato su Nature, di fronte a una decisione alcune persone, pur sapendo quale scelta offra loro le migliori possibilità di successo, optano per l’altra opzione. Le persone possono scegliere in base a una “sensazione viscerale“, ad un’abitudine o a ciò che ha funzionato l’ultima volta, piuttosto che su ciò che hanno imparato funzionare più spesso, secondo Ian Krajbich, coautore dello studio e professore associato di Psicologia ed…

Articoli scientifici, Curiosità

Vivere ad alta quota può influire negativamente sulla memoria procedurale

Si stima che circa 140 milioni di persone vivano in comunità ad alta quota, vale a dire ad almeno 2.400 metri sul livello del mare. Queste popolazioni prosperano e hanno mostrato adattamenti specifici relativi alla loro posizione geografica. Tuttavia alcuni disturbi neurologici sono stati dimostrati empiricamente sia nei soggetti nati in alta quota che in quelli che ci sono andati a vivere successivamente. Per comprendere meglio gli effetti delle alte quote sul cervello, uno studio…

Articoli scientifici, Curiosità

Ascoltare Beethoven fa ottenere risultati scolastici migliori

Gli studenti universitari che hanno ascoltato musica classica di Beethoven e Chopin durante una lezione interattiva sulla microeconomia al computer – e hanno ascoltato la stessa musica di nuovo la stessa sera – hanno avuto migliori risultati durante un test eseguito il giorno successivo, rispetto ai colleghi che erano nella stessa lezione, ma che invece hanno dormito con rumore bianco di fondo. Nel lungo periodo – quando gli studenti hanno fatto un test sullo stesso…

Articoli scientifici, Curiosità

Da dove si origina la creatività nel cervello?

Secondo una visione piuttosto diffusa, la creatività sarebbe un prodotto dell’emisfero destro del cervello: infatti gli individui creativi e innovativi sono considerati “pensatori del cervello destro” mentre i “pensatori del cervello sinistro” sono considerati razionali, analitici e logici. Diversi neuroscienziati, scettici su questa visione semplicistica, hanno sostenuto che non ci sarebbero prove sufficienti per supportare questa idea. Secondo questi scienziati un’abilità complessa come la creatività umana deve poter attingere a vaste aree di entrambi gli…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Rimodellare gli spazi pubblici per la salute dei bambini

La prima rassegna al mondo focalizzata sull’importanza degli ambienti naturali potrebbe trasformare gli spazi di gioco dei bambini, supportando gli investimenti nei parchi urbani, offrendo al contempo importanti opportunità per il loro sviluppo fisico, sociale ed emotivo. Condotta dall’Università del Sud Australia, la revisione sistematica ha esplorato gli impatti del gioco goduto nella natura sulla salute e sullo sviluppo dei bambini di età compresa tra 2 e i 12 anni, scoprendo che tale attività naturale…