Generic selectors
Esatta corrispondenza
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine

Articoli recenti di psicologia scientifica

ippocampo

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Lo stress ostacola la capacità di pianificare, interrompendo l’utilizzo della memoria

Una nuova ricerca dell’Università di Stanford ha scoperto che lo stress può ostacolare la nostra capacità di pianificare, impedendoci di essere in grado di prendere decisioni basate sulla memoria. “Attingiamo alla memoria non solo per proiettarci all’indietro nel passato, ma anche per proiettarci in avanti, per pianificare“, ha detto lo psicologo di Stanford Anthony Wagner, che è l’autore senior dell’articolo che descrive in dettaglio questo lavoro, pubblicato su Current Biology. “Lo stress può privarti della…

Articoli scientifici, Salute mentale e benessere

Post-trauma: come si forma nel cervello la memoria associativa della paura

In che modo il cervello forma la “memoria della paura” che collega un evento traumatico a successive situazioni particolari? Una coppia di ricercatori dell’Università della California potrebbe aver trovato una risposta. Utilizzando un modello murino, i ricercatori hanno dimostrato che la formazione della memoria della paura comporta il rafforzamento di percorsi neurali tra due aree cerebrali: l’ippocampo, che risponde a un particolare contesto e lo codifica; l’amigdala, che attiva il comportamento difensivo, comprese le risposte…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Un buon apporto di sangue fa bene alla memoria

Le prestazioni della memoria e le altre capacità cognitive beneficiano di un buon apporto di sangue al cervello. Ciò vale in particolare per le persone affette da una condizione nota come “sporadica malattia dei piccoli vasi cerebrali”. I ricercatori del Centro tedesco per le malattie neuro-degenerative (DZNE) e la University Medicine Magdeburg riportano la loro ricerca sulla rivista “BRAIN”. Il loro studio suggerisce che la perfusione ematica del cosiddetto ippocampo potrebbe svolgere un ruolo chiave…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

L’apprendimento a lungo termine richiede un nuovo isolamento nervoso

La maggior parte dei ricordi svanisce nel giro di pochi giorni o settimane, mentre alcuni di essi persistono per mesi, anni o addirittura per tutta la vita. Cosa consente a certe esperienze di lasciare un’impronta così duratura nei nostri circuiti neurali? Questa è una domanda secolare in neurobiologia che non è mai stata del tutto risolta, ma nuove prove indicano una nuova sorprendente risposta. In uno studio pubblicato su Nature Neuroscience, gli scienziati della UC…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Trauma: concentrarsi sul contesto riduce la memoria degli eventi negativi

In un nuovo studio, i ricercatori riferiscono di essere in grado di manipolare il modo in cui il cervello codifica e conserva i ricordi emotivi. Gli scienziati hanno scoperto che concentrarsi sui dettagli neutrali di una scena inquietante può indebolire i ricordi successivi di una persona – e le impressioni negative – di quella scena. I risultati, riportati sulla rivista scientifica Neuropsychologia, potrebbero portare allo sviluppo di metodi per aumentare la resilienza psicologica nelle persone…

Articoli scientifici, Curiosità, Salute mentale e benessere

Le vampate di calore compromettono le prestazioni della memoria

Un nuovo studio suggerisce che le vampate di calore possono alterare la funzione dell’ippocampo e della corteccia prefrontale e ridurre la memoria verbale. Se hai difficoltà a identificare la parola giusta per esprimerti chiaramente o a ricordare una storia correttamente, potresti ora incolpare la menopausa. Un nuovo studio suggerisce che le vampate di calore fisiologiche sono associate a una ridotta memoria verbale e ad alterazioni della funzione cerebrale durante la codifica e il recupero della…

Articoli scientifici, Salute mentale e benessere

L’obesità sarebbe connessa a disfunzioni della memoria nell’ippocampo

Una ricerca dell’Università di Cambridge suggerisce che i giovani adulti in sovrappeso possono avere una memoria episodica – la capacità di ricordare eventi passati –  più scarsa rispetto ai loro coetanei, evidenziando un legame tra memoria e eccesso di assunzione di cibo. In uno studio preliminare pubblicato su The Quarterly Journal of Experimental Psychology, i ricercatori del Dipartimento di Psicologia di Cambridge hanno trovato un’associazione tra indice di massa corporea elevata (BMI – Body Mass Index)…